Contenuto sponsorizzato

Mangia un'esca avvelenata, un cane salvato in extremis. L'allarme ai residenti: ''Serve massima attenzione''

E' successo nel comune di Tenno. A lanciare l'allarme l'associazione ecologista La Foresta Che Avanza che invita i cittadini : ''Massima attenzione''

Pubblicato il - 04 settembre 2018 - 19:09

TRENTO. Un'esca avvelenata e un cane salvato in extremis. E' successo questa mattina a Volta di No nel Comune di Tenno. Questa la denuncia dell'associazione ecologista La Foresta Che Avanza.

 

Un uomo stava passeggiando con il proprio cane, quando l'animale ha ingerito qualcosa, un'esca avvelenata. Il proprietario si è accorto subito che qualcosa non andava e così si è recato immediatamente dal veterinario.

 

La tempestiva corsa dall'esperto e l'intervento del veterinario hanno fortunatamente salvato il cane. Questa sera l'associazione ecologista prevede di recarsi a Volta di No per verificare l'eventuale presenta di altre esche.

 

La Foresta Che Avanza invita inoltre i residenti di zona a prestare la massima attenzione, così come di portare subito il proprio vane in caso di sospetto avvelenamento e segnalare ulteriori ritrovamenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato