Contenuto sponsorizzato

Mangiano in 70 al Prime Rose ma alla fine nessuno paga il conto. Denunciato un uomo

Aveva pagato un acconto di mille euro, ma i restanti 3 mila non li ha più versati. Si era presentato con macchina di grossa cilindrata e Rolex, la proprietà aveva concesso il pagamento successivo. Ma poi su google la scoperta: lui e la sua famiglia non erano nuovo a questi 'bidoni'

Pubblicato il - 01 April 2018 - 23:09

TRENTO. Qualche decennio fa si chiamavano 'espropri proletari', ma di proletario il 37enne trentino che aveva prenotato il pranzo di battesimo per 70 ospiti non aveva proprio nulla. Alla proprietà del Prime Rose di Levico si è presentato con il macchinone, con il Rolex e con l'aria di chi ha i soldi per pagare, ma così non è stato. 

 

L'uomo, dopo aver scelto il menu ed essersi accordato con i gestori, si è presentato il 30 aprile dell'anno scorso per banchettare. A fine giornata si è recato alla cassa e ha messo sul banco mille euro in contanti. Il resto lo avrebbe saldato successivamente, dopo l'invio della fattura per mail. 

 

Ma quei 3.393 euro il Prime Rose non li ha più visti. Mail, messaggi, telefonate. Nulla. La proprietaria, sentendosi ormai gabbata, ha 'googolato' nome e cognome del cliente, scoprendo che lui e i suoi famigliari di questi bidoni ne aveva rifilati altri.

 

Alla fine non sono rimaste che le vie legali. L'uomo che quel giorno si è saziato, offrendo il pasto - a spese del Prime Rose - anche a tutti i suoi commensali, è stato denunciato e della scorpacciata a gratis dovrà risponderne in Tribunale

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato