Contenuto sponsorizzato

Morto per il troppo caldo in azienda, Marangoni condannato a 6 mesi

Carmine Minichino è deceduto il 21 luglio del 2015 mentre era al lavoro nel reparto di vulcanizzazione della Marangoni pneumatici. Ieri la sentenza

Pubblicato il - 18 ottobre 2018 - 09:19

ROVERETO. Una condanna a sei mesi con la sospensione condizionale della pena per Giovanni Marangoni, rappresentante della Marangoni pneumatici. Questa la pena arrivata ieri al termine del processo che ha preso il via dopo la morte di Carmine Minichino, il lavoratore deceduto il 21 luglio del 2015 mentre era al lavoro nel reparto di vulcanizzazione della fabbrica roveretana.

 

Stando al referto medico la morte di Minichino è stata causata dal calore eccessivo, quello che all'interno del reparto ha toccato in quella giornata i 41 gradi. Una temperatura indicata oltre i limiti per un lavoro salubre e sicuro.

 

La tesi dell'accusa, sostenuta dal pm Fabrizio De Angelis, è la morte per lavoro svolto in ambiente "inadatto alla condizione umana". Minichino era stato trovato svenuto in reparto e all'arrivo in pronto soccorso la febbre era a 41 gradi e la morte sopraggiunse la notte stessa per shock termico

 

L'accusa aveva chiesto una condanna ben più dura. Erano stati chiesti per Giovanni Marangoni 2 anni e 6 mesi. Oltre a questo per l'azienda era stata richiesta una sanzione di 240 mila euro ne un'altra somma ci circa 45 mila euro da confiscare.

 

La conclusione del giudice, pur essendo stata più mite rispetto le richieste dell'accusa, è che la morte dell'operaio poteva essere evitata. Per capire meglio la sentenza si dovranno ora attendere le motivazioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato