Contenuto sponsorizzato

Mostra nervosismo, la polfer lo perquisisce e nel trolley gli trova 1,5 chili di hashish

Un cittadino marocchino con permesso regolare di soggiorno stava viaggiando sull'Euro City Bologna-Monaco. A Bolzano è scattato il controllo. L'uomo ha provato a dire che la valigia non era sua ma i video della polizia ferroviaria di Bologna l'hanno incastrato

Pubblicato il - 16 February 2018 - 13:46

BOLZANO. Mostrava chiari segnali di agitazione e così la polizia ferroviaria ha deciso di perquisirlo trovando nel suo trolley un chilo e mezzo di hashish. E' successo sul treno Euro City che da Bologna arriva a Monaco di Baviera. A fare il controllo la polfer di Bolzano impegnata, giornalmente, in operazioni di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti. In questo caso ad essere arrestato è stato un cittadino marocchino per il reato di traffico internazionale di stupefacenti.

 

In particolare, durante lo svolgimento di un servizio di polizia denominato "Scorta Trilaterale" svolto unitamente al personale della polizia austriaca e di quella tedesca (quest'ultimi con funzione di osservatori) gli operatori polfer di Bolzano, impegnati a bordo del treno Euro City 84, hanno individuato in una carrozza open-space un cittadino marocchino che, sebbene in possesso di regolare permesso di soggiorno rilasciato dalle autorità spagnole e di passaporto, evidenziava particolare nervosismo, senza che vi fosse alcun apparente motivo.

 

Gli agenti a quel punto, hanno deciso di approfondire il controllo, procedendo all’ispezione di un bagaglio, nella fattispecie un grosso trolley, posizionato proprio sopra la cappelliera del posto occupato dal cittadino straniero. Durante l’ispezione, gli agenti hanno quindi rinvenuto due involucri contenenti 1,5 chilogrammi di hashish, contestando, pertanto, allo straniero la detenzione.

 

Il cittadino marocchino, sempre più nervoso, ha cominciato a negare che il bagaglio fosse di sua proprietà, affermando che era di un’altra persona. Gli agenti, non credendo alla sua versione, lo hanno fatto scendere alla stazione di Bolzano e dopo aver verificato che lo stesso era in possesso di un biglietto Bologna – Innsbruck, hanno contattato i colleghi del settore operativo polfer di Bologna, che hanno provveduto ad inviare copia dei filmati relativi alla partenza del convoglio da quello scalo, da cui si vedeva chiaramente che lo straniero era salito a bordo con il trolley in questione.

 

Davanti all'evidenza agli agenti non è rimasto altro che dichiarare in arresto l’uomo e accompagnarlo presso la casa circondariale di Bolzano. Dai primi accertamenti è emerso, inoltre, che lo straniero era entrato regolarmente nel territorio dello Stato, nel mese di dicembre 2017, attraverso la frontiera di Ventimiglia.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 January - 08:06

La strada in questione è quella che da Nago porta a Doss Casina sul monte Altissimo. Questa strada, per ordinanza del sindaco, è chiusa al traffico proprio per non esporre gli automobilisti ai pericoli dati dalla neve e dal ghiaccio

17 January - 20:47

E' un momento difficile per gli apicoltori in val di Sole. Un orso non è ancora andato in letargo e quindi è in costante ricerca di cibo. Nel mirino le arnie di diversi apicoltori solandri. Sergio Zanella: "Dovrebbe trattarsi dell'esemplare che è stato immortalato cibarsi dai cassonetti dell'immondizia a Bolentina. Siamo preoccupati perché riesce a introdursi negli spazi nonostante i recinti e le protezioni" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato