Contenuto sponsorizzato

Non vogliono i volantini pubblicitari nella cassetta delle lettere, scoppia la rissa e in due finiscono in ospedale

E' successo ieri pomeriggio a Trento. Due uomini stavano facendo volantinaggio quando si sono trovati davanti due residente che mal tolleravano la pubblicità. Sul posto le forze dell'ordine e l'ambulanza

Pubblicato il - 03 novembre 2018 - 08:42

TRENTO. Dalle parole alle mani per colpa della pubblicità. E' successo ieri pomeriggio a Trento dove due uomini, in sella alla propria bici, stavano girando i vari condomìni della città quando si sono trovati davanti, inaspettatamente, due residenti che evidentemente mal tolleravano l'aver la propria buca delle lettere riempita di pubblicità.

 

Ecco allora che tra i quattro si è accesa in un primo momento una discussione che poi si è trasformata in rissa. Uno dei residenti, infatti, avrebbe preso alcuni volantini, li avrebbe strappati e poi gettati a terra. Il tutto davanti alla faccia esterrefatta di chi stava volantinando.

 

Dalle parole grosse sarebbero così volanti anche dei calci e dei pugni tanto che per sedare la rissa è stato chiesto l'intervento delle forze dell'ordine. Sul posto è stata richiesta anche l'ambulanza che ha trasportato due persone all'ospedale Santa Chiara per dei controlli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 13:31

In questi giorni emergono tante segnalazioni di persone in difficoltà nel rapporto con le autorità sanitarie. Anche l'Ordine dei medici si è speso per potenziare e ottimizzare il contact tracing: un sistema forte di tamponi/tracciamento/isolamento per fronteggiare la diffusione dell'epidemia. Zeni: "C'è anche un coinvolgimento scarso delle professioni sanitari. Alla Centrale Covid sono preparati, ma troppo pochi per gestire l'iter"

26 ottobre - 12:23

Le nuove regole contenute nell'ultimo Dpcm firmato dal presidente Conte prevedono la chiusura dei bar e ristoranti alle 18. Accanto alla indignazione di molti c'è anche chi, come Stefano Bertoni, decide di "trasformare i limiti in opportunità''

26 ottobre - 11:23

Ci sono 127 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 27 quelli nelle strutture private convenzionate, mentre sono sempre 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 35 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato