Contenuto sponsorizzato

Nonostante le catene perde il controllo del mezzo spazzaneve e finisce in bilico sul precipizio

Intervento complicato dei vigili del fuoco per la posizione del mezzo e il marciapiede stretto. Il veicolo è stato verricellato in carreggiata

Pubblicato il - 24 novembre 2018 - 16:09

S. CRISTINA. Paura questa mattina in Val Gardena. E' successo intorno alle 10 a Santa Cristina, quando un mezzo spazzaneve e spargisale si è rovesciato lungo un marciapiede.

 

L'operaio alla guida del veicolo, nonostante le catene, ha improvvisamente perso il controllo del mezzo in un tratto un po' impervio per andare a sbattere contro le ringhiere.

 

A quel punto il mezzo spazzaneve ha divelto le protezioni per restare sospeso su un precipizio con la parte anteriore del veicolo, mentre ha perso molto sale da quella posteriore.

 

Fortunatamente l'autista è riuscito a scendere, praticamente illeso, dal posto di guida per lanciare l'allarme.

 

Sul posto si sono subito portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Santa Cristina e i carabinieri. 

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area per procedere con il recupero del veicolo.

 

Un'operazione resa complicata dalla posizione del mezzo, il marciapiede molto stretto. 

 

I vigili del fuoco sono intervenuti con il verricello per liberare il mezzo e per riuscire a rimetterlo in carreggiata.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato