Contenuto sponsorizzato

Nonostante le catene perde il controllo del mezzo spazzaneve e finisce in bilico sul precipizio

Intervento complicato dei vigili del fuoco per la posizione del mezzo e il marciapiede stretto. Il veicolo è stato verricellato in carreggiata

Pubblicato il - 24 novembre 2018 - 16:09

S. CRISTINA. Paura questa mattina in Val Gardena. E' successo intorno alle 10 a Santa Cristina, quando un mezzo spazzaneve e spargisale si è rovesciato lungo un marciapiede.

 

L'operaio alla guida del veicolo, nonostante le catene, ha improvvisamente perso il controllo del mezzo in un tratto un po' impervio per andare a sbattere contro le ringhiere.

 

A quel punto il mezzo spazzaneve ha divelto le protezioni per restare sospeso su un precipizio con la parte anteriore del veicolo, mentre ha perso molto sale da quella posteriore.

 

Fortunatamente l'autista è riuscito a scendere, praticamente illeso, dal posto di guida per lanciare l'allarme.

 

Sul posto si sono subito portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Santa Cristina e i carabinieri. 

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area per procedere con il recupero del veicolo.

 

Un'operazione resa complicata dalla posizione del mezzo, il marciapiede molto stretto. 

 

I vigili del fuoco sono intervenuti con il verricello per liberare il mezzo e per riuscire a rimetterlo in carreggiata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato