Contenuto sponsorizzato

Nuovo look in arrivo per la stazione di Ala. Il sindaco: "Miglioramenti a favore della sicurezza"

Negli scorsi mesi la stazione di Ala aveva visto delle novità: erano state poste delle recinzioni e posizionati i tornelli, che dovrebbero entrare in funzione prossimamente. Rfi ha ora presentato al Comune un intervento di più ampio respiro, che prevede la sistemazione di tutto l'edificio e della zona dei binari

Pubblicato il - 10 maggio 2018 - 13:11

ALA. La stazione dei treni di Ala si prepara per un nuovo look. I lavori di riqualificazione prendono il via questa estate. "Da anni cerchiamo con Rfi di riqualificare l'area della stazione e gli alensi attendono risposte. Auspico - spiega Claudio Soini, sindaco di Ala - perciò che effettivamente tutto quello previsto nel loro progetto si realizzi. Non posso in tal caso che esprimere la mia estrema soddisfazione. Questi interventi, dopo i fatti recenti, andranno anche a favore della sicurezza".

 

Diverse, infatti, nell'ultimo periodo le aggressioni e gli episodi di violenza in particolare a Ala e Avio. Tanto che i principali attori del comparto ferroviario si erano attivati per i controlli all'ingresso dei binari delle principali stazioni lungo la tratta del Brennero, compreso Trento, Verona, Domegliara e Bolzano (Qui articolo).

 

Negli scorsi mesi la stazione di Ala aveva visto delle novità: erano state poste delle recinzioni e posizionati i tornelli, che dovrebbero entrare in funzione prossimamente. Rfi ha ora presentato al Comune un intervento di più ampio respiro, che prevede la sistemazione di tutto l'edificio e della zona dei binari.

 

"La stazione di Ala - prosegue il primo cittadino - è frequentata non solo da tantissimi alensi, ogni giorno, ma adesso potrà migliorare il suo servizio per i turisti, penso in particolare ai tanti cicloturisti che frequentano la Vallagarina, che saranno facilitati nel visitare la nostra città”.

 

Il progetto è già stato approvato dalla commissione edilizia del Comune di Ala e attende il via libera anche dalla Provincia. Il cantiere dovrebbe partire nei mesi estivi. Sono numerosi gli interventi programmati.

 

Innanzitutto si rivedranno l'intero atrio e l'ingresso, che verranno modificati, anche per rispondere al nuovo sistema di accesso ai binari tramite tornelli. Verrà rifatta la sala d'attesa, e verranno costruiti dei nuovi servizi igienici per i passeggeri, che verranno collocati nei pressi dell'atrio.

 

Per migliorare l'accessibilità verrà rialzato il primo marciapiede di 55 centimetri, ripavimentato il secondo, e verranno realizzati due nuovi ascensori a servizio delle banchine, adatti al trasporto bici (oltre che permettere l'accesso ai binari anche ai disabili, a chi ha valigie pesanti o difficoltà di deambulazione).

 

Il sottopassaggio verrà rinnovato, con una nuova illuminazione, che interesserà anche le rampe di scale. Anche la zona dei binari vedrà un nuovo volto: verranno finalmente collocate le pensiline, per tutta la lunghezza del tratto della stazione. Aspettare il treno sarà più confortevole, anche con la pioggia.

 

Le banchine verranno dotate di nuove pensiline metalliche e tutta la stazione verrà dotata di nuovo impianto di illuminazione a led e di impianti per l'informazione al pubblico.

 

Questo consentirà una nuova e migliore illuminazione della zona binari. Infine, Rfi procederà a un nuovo maquillage di tutto l'edificio: nuovi rivestimenti, struttura migliore e più bella.

 

Anche il piazzale esterno verrà risistemato, con la creazione di posti auto per disabili, di un parcheggio coperto per biciclette e la creazione di nuova fermata per autobus e taxi. Inoltre verranno ricavati nuovi posti auto, anche recuperando spazi inutilizzati delle Ferrovie.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 20:12

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.355 i guariti da inizio emergenza e 558 gli attuali positivi

22 settembre - 21:05

Il Partito Democrativo è la prima forza politica ma a Mosaner non basta: il sindaco uscente dovrà vedersele con la leghista Cristina Santi al ballottaggio. Mauro Malfer l’ago della bilancia

22 settembre - 19:19

Nulla da fare per Roberto Valcanover che, sostenuto dal Patt, Coesione oltre l'ordinario e Fare comunità, si è fermato al 26%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato