Contenuto sponsorizzato

Oltre 100 pompieri impegnati per spegnere le fiamme in una malga e in una parte del bosco

Paura per la presenza di alcune bombole di gas. Il rifugio è andato completamente distrutto

Pubblicato il - 22 giugno 2018 - 12:29

BOLZANO. Notte di lavoro per diversi corpi dei vigili del fuoco altoatesini a causa di una malga e porzioni di bosco in fiamme.

Le cause dell'incendio sono probabilmente riconducibili alla caduta di un fulmine e il rifugio è stato avvolto dal fuoco.

 

L'allarme è scattato intorno alle 22, quando il corpo di San Giovanni nel comune di Valle Aurina è stato attivato per un incendio boschivo. In supporto è arrivato anche il corpo di Lutago e Brunico e in totale si sono mobilitati oltre cento pompieri.

 

Giunti sul posto per spegnere l'incendio boschivi, i pompieri hanno quindi scoperto che anche una baita era in fiamme.

I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l'area, anche attraverso la rimozione e il raffreddamento di alcune bombole di gas.

 

Dopo aver circoscritto l'area, i pompieri hanno avviato le operazioni di spegnimento, ma l'intervento si è rivelato difficoltoso in quanto nelle immediate vicinanze non era presente un serbatoio.

 

I pompieri hanno quindi creato un impianto di pompaggio per servirsi dal torrente e concludere le operazioni. La malga è stata completamente rasa al suolo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 16:32

La tragedia è avvenuta nei cieli del cremonese questa mattina. Dalle prime ricostruzioni si sarebbe verificato un incidente in volo: il paracadutista avrebbe sbattuto sull'ala per poi precipitare

20 settembre - 15:30

I dati si stanno consolidando e sono quelli del primo blocco di analisi delle 12. Ci sono comuni dove si era già votato sopra al 30% mentre alcuni restano sotto il 10%. Il dato medio è in linea con le passate provinciali e amministrative

20 settembre - 13:06

E' l'ennesimo episodio di una campagna elettorale che ha visto numerose irregolarità. Nelle scorse ore alcuni manifesti contro uno dei candidati sindaco, con ritratto anche un ragazzo trentino morto nel 2015,  sono stati appesi nelle bacheche  riservate alle affissioni comunali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato