Contenuto sponsorizzato

Oltre 100 pompieri impegnati per spegnere le fiamme in una malga e in una parte del bosco

Paura per la presenza di alcune bombole di gas. Il rifugio è andato completamente distrutto

Pubblicato il - 22 giugno 2018 - 12:29

BOLZANO. Notte di lavoro per diversi corpi dei vigili del fuoco altoatesini a causa di una malga e porzioni di bosco in fiamme.


Le cause dell'incendio sono probabilmente riconducibili alla caduta di un fulmine e il rifugio è stato avvolto dal fuoco.

 

L'allarme è scattato intorno alle 22, quando il corpo di San Giovanni nel comune di Valle Aurina è stato attivato per un incendio boschivo. In supporto è arrivato anche il corpo di Lutago e Brunico e in totale si sono mobilitati oltre cento pompieri.

 

Giunti sul posto per spegnere l'incendio boschivi, i pompieri hanno quindi scoperto che anche una baita era in fiamme.


I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l'area, anche attraverso la rimozione e il raffreddamento di alcune bombole di gas.

 

Dopo aver circoscritto l'area, i pompieri hanno avviato le operazioni di spegnimento, ma l'intervento si è rivelato difficoltoso in quanto nelle immediate vicinanze non era presente un serbatoio.

 

I pompieri hanno quindi creato un impianto di pompaggio per servirsi dal torrente e concludere le operazioni. La malga è stata completamente rasa al suolo.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:10

Da quando c'è il Covid, le attività ludiche e ricreative proposte ai bambini di Protonterapia si sono dovute fermare. Così, a organizzare il loro tempo libero nelle difficili situazioni che vivono i pazienti, ci pensano le famiglie. Il direttore Maurizio Amichetti racconta le difficoltà di quest'anno di pandemia

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

25 febbraio - 08:31

La Commissione europea avrebbe chiesto spiegazioni alla Germania per l'inasprimento dei controlli alle frontiere. Un'iniziativa cui ha fatto seguito quella dell'Austria, ragione per cui la situazione al valico del Brennero è  critica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato