Contenuto sponsorizzato

Oltre alla pioggia anche le raffiche di vento, scoperchiata una chiesa. Ad Ala alberi abbattuti sfondano le auto

Oltre le piogge incessanti ci ha pensato il vento a complicare ulteriormente le cose. A Piné le raffiche hanno superato i 100 km/h

Di L.A. - 29 ottobre 2018 - 17:48

BORGO. Non solo la pioggia, anche il vento in alcune zone del Trentino si è abbattuto in modo particolarmente forte. A farne le spese anche la chiesetta di Sella, la copertura del luogo di culto è stata sollevata per le forti raffiche. La chiesa è stata scoperchiata. E sul posto si è portata la macchina dei soccorsi per verificare la stabilità dell'edificio e cercare di porre rimedio alla situazione.

 

Su Ala si è abbattuta una vera e propria tromba d'aria e nel giardino della scuola musicale degli alberi sono caduti andando a sfondare le auto parcheggiate e andando ad abbattere i giochi per i bambini.

 

 

Nella zona di Torbole e di Riva il vento ha spazzato tutto il lungolago sollevando anche le barche e spingendole sulla battigia. Alberi sono caduti anche nella zona di Mori e sulla statale 45 bis Gardesana nella zona di Dro. 

 

 

 

 

Levico ha subito danni molto ingenti proprio a causa del vento e anche a Piné si sono raggiunte raffiche di vento ben oltre i 100 km/h. Alberi e piante sono state abbattute ovunque anche perché il vento è perdurato per oltre un'ora e mezza.

 

Danni anche a Caldonazzo anche in pieno centro storico. 

 

 

L'invito per tutti è quello di restare in casa e di lasciar operare vigili del fuoco e protezione civile in piena autonomia, ma anche evitare le telefonate non necessarie alla Centrale unica di emergenza. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato