Contenuto sponsorizzato

Oltre alla pioggia anche le raffiche di vento, scoperchiata una chiesa. Ad Ala alberi abbattuti sfondano le auto

Oltre le piogge incessanti ci ha pensato il vento a complicare ulteriormente le cose. A Piné le raffiche hanno superato i 100 km/h

Di L.A. - 29 ottobre 2018 - 17:48

BORGO. Non solo la pioggia, anche il vento in alcune zone del Trentino si è abbattuto in modo particolarmente forte. A farne le spese anche la chiesetta di Sella, la copertura del luogo di culto è stata sollevata per le forti raffiche. La chiesa è stata scoperchiata. E sul posto si è portata la macchina dei soccorsi per verificare la stabilità dell'edificio e cercare di porre rimedio alla situazione.

 

Su Ala si è abbattuta una vera e propria tromba d'aria e nel giardino della scuola musicale degli alberi sono caduti andando a sfondare le auto parcheggiate e andando ad abbattere i giochi per i bambini.

 

 

Nella zona di Torbole e di Riva il vento ha spazzato tutto il lungolago sollevando anche le barche e spingendole sulla battigia. Alberi sono caduti anche nella zona di Mori e sulla statale 45 bis Gardesana nella zona di Dro. 

 

 

 

 

Levico ha subito danni molto ingenti proprio a causa del vento e anche a Piné si sono raggiunte raffiche di vento ben oltre i 100 km/h. Alberi e piante sono state abbattute ovunque anche perché il vento è perdurato per oltre un'ora e mezza.

 

Danni anche a Caldonazzo anche in pieno centro storico. 

 


 

L'invito per tutti è quello di restare in casa e di lasciar operare vigili del fuoco e protezione civile in piena autonomia, ma anche evitare le telefonate non necessarie alla Centrale unica di emergenza. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 07:01

L'assessora Stefania Segnana ha rassicurato che appena possibile, e compatibilmente con l'emergenza Covid-19, il servizio verrà riattivato. Ioppi: "Non si può aspettare nella migliore delle ipotesi l'ultimo momento per intervenire. In questo modo si sovraccaricano ulteriormente gli operatori". Fugatti risponde al Patt: "Trovare novelli difensori degli ospedali di valle, quando sappiamo benissimo quanto è stato fatto in 15 anni, ci fa un po' sorridere"

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato