Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo dell'auto e finisce contro un cancello di una casa, due 80enni in ospedale

E' successo a Cagnò in Valle di Non. Sul posto due ambulanze, i vigili del fuoco di zona e i carabinieri di Cles

Pubblicato il - 12 ottobre 2018 - 20:06

CAGNO'. Incidente automobilistico, due donne, rispettivamente di 80 e 85 anni, in ospedale e un cancello divelto. Questo il bilancio dello schianto avvenuto intorno alle 16.15 di venerdì 12 ottobre.

 

E' successo a Cagnò in Val di Non all'altezza dell'incrocio tra la strada statale 42 e la provinciale 139, la conducente ha improvvisamente perso il controllo del mezzo.

 

A quel punto l'auto ha iniziato a sbandare e la corsa è finita contro un cancello di un'abitazione.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i soccorsi, due ambulanze, i vigili del fuoco di Cagnò e i carabinieri di Cles per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.

 

I pompieri e le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area, mentre il personale sanitario ha prestato le cure mediche alle ferite.

 

Fortunatamente nessun altro veicolo o persona è rimasta coinvolta nell'incidente, mentre sono ingenti i danni alla vettura, distrutta nella parte anteriore.

 

Nonostante la paura e qualche botta, le due ferite non sono in pericolo di vita, anche se sono state trasportate all'ospedale di Cles per accertamenti e approfondimenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato