Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo dell'auto e finisce nel fiume, muore un 37enne

E' successo intorno alle 7.20 in Val Pusteria all'altezza della galleria di San Lorenzo di Sebato. Vani i soccorsi, troppo gravi le ferite riportate dall'uomo

Pubblicato il - 23 ottobre 2018 - 12:03

BRUNICO. Tragico incidente in Alto Adige. E' successo intorno alle 7.20 in Val Pusteria all'altezza della galleria di San Lorenzo di Sebato.

 

Un 37enne ha perso il controllo dell'auto, che ha iniziato a sbandare per finire fuori strada.

 

A quel punto la vettura, dopo aver percorso svariati metri sull'erba, ha terminato la corsa sul greto del fiume Rienza

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, elicottero e ambulanze delle Croce Bianca, i vigili del fuoco di Mantana Campo Tures, le unità del corpo subacqueo di Brunico e i carabinieri per effettuare i rilievi e ricostruire la dinamica.

 

I pompieri e il personale subacqueo hanno messo in sicurezza l'area, mentre il personale medico ha prestato le cure all'uomo.

 

Le condizioni del 37enne sono apparse fin da subito estremamente gravi, i sanitari hanno avviato le manovre, ma le ferite riportate nell'incidente si sono rivelate fatali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato