Contenuto sponsorizzato

Perde il portafoglio per strada, quando si reca dai carabinieri non manca nulla dei 1.100 euro, nemmeno venti lire del 1929

E' successo a Cavalse. Un uomo di Tesero ha rinvenuto il portafoglio di un artigiano di Molina di Fiemme e lo ha consegnato ai carabinieri. La vicenda si è conclusa con una ricompensa

Pubblicato il - 30 marzo 2018 - 18:05

CAVALESE. Un uomo di Tesero ha ritrovato un portafoglio nel centro abitato di Cavalese. Il taccuino perso per strada, oltre a vari documenti e tessere personali, conteneva anche la somma di 1.100 euro

 

A quel punto l'uomo si è recato alla stazione di Cavalese per consegnare il portafoglio. I carabinieri, dalla verifica dei documenti contenuti nel taccuino, si sono subito attivati per informare il legittimo proprietario del ritrovamento, un artigiano libero professionista residente a Molina di Fiemme.

 

L’artigiano, che non si era ancora accorto di aver perso il portafoglio, si è recato dai carabinieri: dalle verifiche non mancava nulla, nemmeno una moneta di 20 lire risalente al 1929 e che custodiva a titolo affettivo.

 

L’uomo ha inoltre confermato che la somma di denaro contenuta nel portafoglio era il guadagno della sua attività, che avrebbe voluto depositare.

 

Il tutto si è concluso con una ricompensa a favore dell'uomo di Tesero per il senso civico e come segno di riconoscenza

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato