Contenuto sponsorizzato

Prende a calci un cane e si scatena un parapiglia in centro città. Paura in via Suffragio

I negozianti spaventati si sono chiusi all'interno della propria attività. Sono intervenuti i carabinieri a sedare la rissa

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 23:19

TRENTO. Un calcio ad un cane e subito dopo il tentativo anche di aggredire, senza motivo,  il proprietario che aveva cercato di proteggere il proprio animale. 

 

Pugni e calci nel tardo pomeriggio di mercoledì 11 aprile in via Suffragio. Un uomo si trovava sotto i portici e stava passeggiando con il proprio cane di 14 anni. Il tutto stava avvenendo in maniera tranquilla fino a quando, a metà della via, un ragazzo straniero senza alcun motivo ha preso a calci il cane che gli stava passando davanti  per poi scaraventarsi contro il proprietario. 

 

In pochi secondi ne è nato un parapiglia tra i due uomini che dalla parole sono venuti alle mani con calci e pugni. Un situazione che ha spaventato i cittadini presenti e alcune attività commerciali della via i cui titolari si sono chiusi a chiave all'interno del proprio negozio. 

 

Immediatamente sono stati avvertiti i carabinieri di Trento che sono riusciti a sedare la rissa e a raccogliere le varie testimonianze dei presenti. I giovane che ha aggredito prima il cane e poi il suo padrone è stato portato in caserma. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato