Contenuto sponsorizzato

Prova le scarpe in negozio e poi scappa tenendosele addosso e senza pagare

Nel corso dei controlli svolti dai Carabinieri di Riva del Garda sono state denunciate 4 persone per furto. Sono state perquisite diverse persone e 6 di loro sono state segnalate al Commissariato del Governo per uso personale di sostanze stupefacenti

Pubblicato il - 12 maggio 2018 - 18:00

RIVA DEL GARDA. Si era introdotto in un negozio di scarpe e con astuzia dopo averne calzato un paio si era dileguato lasciano la scatola vuota e senza pagare. Dopo qualche giorno ha tentato nuovamente il colpo ma questa volta non gli è andata bene. A finire nei guai è stato un uomo moldavo di 45 anni denunciato per furto dai carabinieri di Riva del Garda.

 

I fatti sono avvenuti in un negozio di Dro dove l’uomo in due giorni diversi si è recato provando delle scarpe ed uscendo senza nulla in mano, ma con la merce calzata. La scoperta della scatola vuota, fatta nel primo episodio ed il successivo ritrovamento dei Carabinieri, chiamati per la verifica, hanno fatto scattare gli accertamenti che, dopo qualche giorno hanno consentito di fermare l’uomo che stava riprovando lo stesso trucco. Il proprietario del negozio ha riconosciuto il ladro che così è stato accusato dei due furti. La merce rubata, due paia di scarpe Armani avevano un valore commerciale di 300 euro.

 

A cadere nelle maglie dei carabinieri è stata anche una donna, rumena di 45 anni, residente da anni in Italia in Valsugana. Questa, presso il “Supermarket della Calzatura” di Arco, dopo aver provato dei sandali da 90 euro è scappata dal negozio, ma la prontezza delle commesse nel chiamare i Carabinieri e questi nel giungere hanno fatto in modo di rintracciare la donna, che nel frattempo si era nascosta dietro a dei capannoni industriali in attesa che si calmassero le acque. La merce è stata recuperata e restituita immediatamente.

 

Venerdì scorso invece, nella tarda serata ad Arco, nella zona di Prabi, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno intercettato due giovani, un 19enne e un 17enne, entrambi residenti ad Arco, mentre stavano forzando un furgone e portando via la merce dal vano posteriore. Subito bloccati e condotti in caserma sono stati denunciati a piede libero per furto aggravato. Il minore è stato affidato ad una comunità.

 

Ancora, nella serata di venerdì un bresciano di 34 anni, residente a Lodrino, è stato perquisito a Ponte Caffaro e denunciato per il possesso di un coltello. Nel contesto della perquisizione è stata trovata della sostanza stupefacente: 2 grammi di cocaina, sequestrata a lui ed al passeggero della sua vettura.

 

Sempre durante i controlli, sono state perquisite diverse persone e 6 di loro sono state segnalate al Commissariato del Governo per uso personale di sostanze stupefacenti. Sono tutti italiani della zona, 2 minori, tutti in possesso di hashish e cocaina, per un totale di 7 grammi. Nel totale sono stati controllati 115 mezzi e 147 persone.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 19:55

Terminate le ricerche della cagnolona che sabato era precipitata da cima Mandriolo. In migliaia hanno scritto ai padroni per sostenerli e per esprimere loro vicinanza e solidarietà ma oggi le operazioni si sono concluse. ''Questo post anche per testimoniare quante meravigliose persone ci abbiano aiutato e supportato, solo per il desiderio di farlo e per esserci vicini''

18 novembre - 19:41

L'allarme è scattato attorno alle 18.30. Sul posto oltre ai vigili del fuoco di Trento sono intervenuti anche gli agenti della polizia locale e i tenici di Novareti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato