Contenuto sponsorizzato

Punta un cacciavite alla gola per avere indietro la caparra. La lite per un cucciolo di labrador

Due roveretani condannati a 6 mesi di reclusione. pena sospesa, per esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Pubblicato il - 08 novembre 2018 - 10:29

ROVERETO. Aveva lasciato una caparra di 250 euro per l'acquisto di un cucciolo di labrador ma l'affare non era andato in porto. La caparra la voleva indietro e per ottenerla si è presentata nell'abitazione del venditore con un amico che per ottenere il ristoro gli ha puntato un cacciavite alla gola

 

Franca Trapasso, 58 anni di Rovereto, e Fernando Casarotto, 68 anni di Valli del Pasubio, sono così finiti a processo e condannati a 6 mesi di reclusione, pena sospesa, per esercizio arbitrario delle proprie ragioni. L'iniziale imputazione per minacce e disturbo della quiete pubblica è stata derubricata.

 

Ma vediamo i fatti. La signora si era rivolta a una coppia roveretana per l'acquisto del cucciolo pattuendo un prezzo di 400 euro che avrebbe consegnato dopo la consegna. Come caparra aveva asciato 250 euro. L'animale cresceva, già svezzato e pronto ad essere ceduto, ma la signora tergiversava

 

Il cane è stato quindi venduto ad altri, dando per scontato che l'affare non fosse andato in porto. E la caparra? Per il mancato affare è stata trattenuta e da qui è partito tutto: la donna ha iniziato a mandare numerose mail all'indirizzo dei venditori, dal tono minaccioso. 

 

Nessuna risposta alle mail e nemmeno ai tanti messaggi inviati. E così una sera i due si sono presentati in casa dei venditori e dalle parole ai fatti: il cacciavite puntato alla gola e la richiesta della caparra. I venditori hanno chiamato le forze dell'ordine che hanno segnalato il fatto all'Autorità giudiziaria. Ieri la conclusione del processo e la condanna.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato