Contenuto sponsorizzato

"Se mi lasci ti uccido", una donna racconta anni di maltrattamenti fisici e minacce. Marito a processo

Botte, violenze sessuali e minacce, questo l'inferno per una donna che abita a Trento e che lo scorso anno ha avuto il coraggio di raccontare tutto 

Pubblicato il - 02 marzo 2018 - 08:46

TRENTO. “Se tu mi lasci ti brucio”, “ti cavo gli occhi, “ti uccido”, frasi spaventose e terribili che una donna ha dovuto sopportare per ben 10 anni. Maltrattamenti anche fisici, violenze sessuali e minacce che lo scorso anno ha denunciato per uscire dall'inferno in cui si trovava.

 

La vicenda riguarda un uomo di 45 anni e una donna di 40 anni entrambi dell'Est Europa arrivati in Trentino anni fa. Lui, che dice di non aver fatto nulla alla moglie, deve ora rispondere alle accuse di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e violenza privata.

 

Sono moltissimi gli episodi che la donna ha trovato il coraggio di raccontare, dalle aggressioni fisiche, anche in presenza dei figli ma anche in pubblico, fino ad arrivare addirittura a svenire e chiedere l'intervento dei sanitari, alle minacce spaventose di morte.

 

Dal racconto della donna sono partite le indagini e per l'uomo gli arresti domiciliari e il divieto di avvicinarsi. L'udienza di ieri è terminata con il rinvio degli atti al pm. E' stata rilevata una problema di procedibilità perchè la violenza sarebbe stata commessa durante un soggiorno estero. In questo caso serviva l'intervento del Ministero della giusta che ora è arrivato. Ora c'è il rinvio a giudizio.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato