Contenuto sponsorizzato

Sentiero bloccato da fine ottobre, la Sat chiede e il sindaco dispone la chiusura: c'è pericolo

In località Foci di San Giacomo il sentiero Claudio Fedrizzi è interrotto da quando il maltempo ha flagellato il territorio. Oggi con provvedimento contingibile e urgente il primo cittadino ha disposto la chiusura

Pubblicato il - 06 dicembre 2018 - 18:43

RIVA DEL GARDA. Chiuso il sentiero del Berghem ''Claudio Fedrizzi'' nel tratto in località Foci di San Giacomo. Il maltempo di fine ottobre ha provocato gravi danni in tutta la provincia e tuttora permangono zone pericolanti, a rischio, che devono essere liberate e messe in sicurezza. E' il caso del sentiero 434 intitolato alla memoria del compianto Claudio Fedrizzi (per anni dipendente comunale a Riva e membro del Gruppo Sentieri della Sat) che segue l'itinerario Foci - Laste Basse - Berghem - Campi di Riva - San Martino.

 

 

Un distacco di materiale roccioso blocca il passaggio da oltre un mese e visto il conseguente pericolo per la pubblica incolumità, il sindaco con un provvedimento contingibile e urgente ha deciso di chiuderlo in quel tratto. La segnalazione è arrivata dalla sezione di Riva del Garda della Sat: il sentiero, infatti, che da San Giacomo sale a Campi, presenta della condizioni di pericolosità per gli utenti, causa la caduta di materiale, che lo ha reso impraticabile.

 

 

La Sat, rilevando che sono in fase di organizzazione le attività di sgombero del materiale - che saranno eseguite indicativamente entro il mese di gennaio - ha chiesto e ottenuto dal Comune l’adozione di provvedimenti immediati di chiusura, così da garantire la sicurezza degli escursionisti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato