Contenuto sponsorizzato

Si apre il processo per la morte dell'operaio alla Marangoni: "E' morto per il troppo caldo"

Il decesso è avvenuto nel luglio del 2015, quando all'interno del reparto di vulcanizzazione si registrava la temperatura di 41 gradi. Imputati Gianni Marangoni e il medico del lavoro Marco Fabbri. L'accusa: omicidio colposo

Pubblicato il - 05 aprile 2018 - 13:18

ROVERETO. Sul banco degli imputati siedono l'imprenditore Gianni Marangoni e il Marco Fabbri, medico del lavoro. Sono accusati di omicidio colposo per la morte di Carmine Minichino, l'operaio deceduto il 21 luglio del 2015 mentre era al lavoro nel reparto di vulcanizzazione della fabbrica roveretana.

 

Davanti al giudice Carlo Ancona, nella prima udienza del processo, sono sfilati alcuni dei testimoni convocati per rendere le loro dichiarazioni. Il punto da evidenziare è l'eventuale responsabilità degli imputati, e nello specifico la situazione in cui è avvenuta la morte dell'operaio.

 

Stando al referto medico, infatti, la morte di Minichino è dovuta al calore eccessivo, quello che all'interno del reparto ha toccato - nella giornata del 21 luglio - i 41 gradi. Una temperatura indicata oltre i limiti per un lavoro salubre e sicuro. 

 

La tesi dell'accusa, sostenuta dal pm Fabrizio De Angelis, è la morte per lavoro svolto in ambiente "inadatto alla condizione umana". Minichino era stato trovato svenuto in reparto e all'arrivo in pronto soccorso la febbre era a 41 gradi e la morte sopraggiunse la notte stessa per shock termico

 

Tra le testimonianze quella dei soccorritori che hanno dichiarato che al loro arrivo la temperatura interna era 'pericolosa per il paziente e per noi stessi'. Ma anche i colleghi sono stati sentiti, e alcuni hanno raccontato di una turnistica molto pressante, di un carico di lavoro insopportabile.

 

Ieri la prima udienza, nel corso del processo saranno ascoltate altre testimonianze e alla fine toccherà al giudice Ancona stabilire se la responsabilità della morte - per omicidio colposo - sia da attribuire ai due imputati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato