Contenuto sponsorizzato

Si insedia il nuovo capo della Procura della Repubblica Sandro Raimondi. ''Benvenuto in una terra straordinaria''

Alla cerimonia di insediamento anche il procuratore aggiunto alla Direzione nazionale Antimafia Giovanni Russo: "Anche in Trentino fari accesi sulla criminalità organizzata"

Il procuratore della Repubblica Sandro Raimondi con il presidente dell'Ordine degli Avvocati Andrea de Bertolini e il procuratore generale Giovanni Ilarda
Di db - 14 marzo 2018 - 17:39

TRENTO. Si è insediato ufficialmente oggi il nuovo capo della Procura della Repubblica Sandro Raimondi, arrivato alla guida dei Pm trentini dopo aver ricoperto il ruolo di procuratore aggiunto a Brescia. "Non mi piace dilungarmi - ha affermato Raimondi - se non durante le requisitorie. Più che le parole parleranno i fatti".

 

Mafia, tangenti, terrorismo, Raimondi è stato magistrato a Milano per 29 anni, una lunga carriera che all'età di 62 anni lo porta a Trento."Faremo anche a Trento una grande squadra", e riferito ai magistrati e alle Forze dell'ordine presenti all'insediamento ha detto: "Non voglio né le vostre toghe né i vostri gradi, voglio le vostre intelligenze". 

 

Il nuovo procuratore della Repubblica ha firmato l'atto di insediamento davanti al presidente della sezione penale Giuseppe Serao nel contesto di una pubblica udienza. Tra gli astanti Marco Gallina, il sostituto procuratore che ha retto la Procura fino ad oggi, da quando il procuratore capo Giuseppe Amato è stato trasferito alla procura di Bologna

 

Un caloroso benvenuto è arrivato dal procuratore generale Giovanni Ilarda: "Un cordiale benvenuto da parte mia - ha detto subito abbracciando Raimondi - ma anche da parte dell'intera Procura generale e da parte della presidente della Corte d'Appello. Benvenuto in una terra straordinaria, una terra speciale che imparerai a conoscere e apprezzare".

 

"In una recente intervista - ha affermato Ialrda rivolto al collega - hai definito la magistratura come servizio rivolto ai più deboli. Parole che ho apprezzato, importanti, che saranno apprezzate anche in questa terra, dove i valori sono presenti più che altrove".

 

Nel giorno dell'insediamento ha voluto portare i suoi saluti anche il procuratore aggiunto della Direzione Nazionale Antimafia Giovanni Russo. "Saremo sempre a disposizione, sempre pronti a collaborare. Non ci sono terre di mafia e non - ha spiegato - ma terre in cui la criminalità organizzata è più o meno evidente". 

 

"Il Trentino è un territorio dove bisogna tenere i fari accesi - ha concluso - e sono sicuro che Sandro Raimondi saprà assicurare la legalità. La Direziona nazionale Antimafia è con te". 

 

Anche il presidente dell'Ordine degli Avvocati Andrea de Bertolini ha accolto il nuovo procuratore con parole incoraggianti: "Qui si esprime un rapporto molto responsabile e dialogante tra magistratura e avvocatura, nella condivisione, pur su posizioni diverse, della cultura della legalità".

 

Parole apprezzate dal nuovo capo della Procura che alla fine della cerimonia ha invitato i presenti a un buffet conviviale per le presentazioni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 19:55

Una sorta di sconto che lo Stato italiano fornisce a chi decide di soggiornare presso una struttura ricettiva italiana. Tra i trentini che hanno colto l'occasione anche Stefano Grassi: "In poco tempo arriva un codice che si dovrà poi mostrare all'albergatore per ottenere lo sconto"

04 luglio - 19:47

Il candidato sindaco è pronto a guastare la festa sia “alla coalizione arcobaleno” che alla “disaggregazione di destra”. Carli vuole plasmare una Trento sul modello delle grandi metropoli europee: “C’è bisogno di una leadership forte ed inclusiva, il Centrosinistra ha tenuto ferma la città per una generazione ora è tempo di riprendere in mano tutti i progetti rimasti incompiuti”

04 luglio - 13:26

Gli animalisti insorgono contro l’ordinanza di abbattimento: “JJ4 potrebbe essere accompagnata dai suoi cuccioli, Fugatti deponga subito i fucili, non accetteremo l’uccisione di un’altra orsa senza che siano state accertate le cause che hanno determinato lo scontro con le persone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato