Contenuto sponsorizzato

Spruzza dell'alcol per accendere la stufa, 56enne avvolto dalle fiamme

E' successo a Rovereto. L'uomo stava accendendo la stufa. E' stato trasferito al centro ustionati di Verona 

Pubblicato il - 23 dicembre 2018 - 08:11

ROVERETO. Momenti di paura ieri a Rovereto dove un uomo di 56 anni è stato investito da una fiammata mentre stava accendendo la stufa.

 

E' successo poco prima delle otto di ieri mattina. L'uomo nell'accendere la stufa ha spruzzato dell'alcol denaturato nella camera di combustione. Lo zampillo dell'alcol si è incendiato e il ritorno di fiamma ha completamento avvolto l'uomo.

 

La moglie, che si trovava a poca distanza è riuscita ad aiutare il marito a spegnere le fiamme e poi ha chiamato immediatamente i soccorsi. Il 56enne si sarebbe causato ustioni di primo e secondo grado dal bacino alla testa. Dopo essere stato trasportato all'ospedale di Rovereto, è stato trasferito al centro ustionati di Verona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 11:01

I contagi continuano ad aumentare e l'allarme è stato lanciato anche dall'Istituto superiore di sanita che spiega come sono: "necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari"

23 ottobre - 19:28

Al question time di Filippo Degasperi l'assessore ha risposto in maniera piuttosto fumosa. Lettera da Folgaria per chiedere maggiore trasparenza e spiegazioni: ''Penso che Failoni sia stato male informato dai suoi collaboratori o che forse si sia incautamente fidato dei propri interlocutori a Trento e a Folgaria. Altrimenti non avrebbe detto, leggendo la sua risposta, che “risulta in stato di avanzata attuazione” la raccolta di 2 milioni di euro avviata nella primavera scorsa''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato