Contenuto sponsorizzato

Tamponamento tra mezzi pesanti in A22, un tir in fiamme e traffico in tilt

E' successo tra Egna e Salorno in direzione Sud. Il traffico è stato deviato e le principali vie di comunicazione verso Lavis e Salorno sono in fortissima crisi tra code e rallentamenti

Pubblicato il - 15 giugno 2018 - 15:52

EGNA. La viabilità in A22 e lungo le principali direttrici all'altezza di Salorno in fortissima crisi a causa di un incidente tra mezzi pesanti avvenuto intorno alle 10 lungo l'Autostrada del Brennero.

 

E' successo tra Egna e San Michele in direzione sud, quando si è verificato un tamponamento tra tre camion.

 

A quel punto dopo l'impatto tra tir è scoppiato anche un incendio e le fiamme sono subito divampate per avvolgere un mezzo pesante.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, i vigili del fuoco volontari di Egna, i permanenti, gli addetti dell'A22 e le forze dell'ordine per ricostruire la dinamica, effettuare i rilievi e gestire il traffico.

 

Tamponamento tra mezzi pesanti in A22

I pompieri hanno subito messo in sicurezza l'area per avviare le operazioni di spegnimento delle incidenti e la rimozione dei mezzi pesanti coinvolti nell'incidente.

 

Per permettere l'intervento dei soccorsi, il traffico è stato deviato alle uscite autostradali di Egna/Ora e San Michele.

 

In questo momento si registrano code e rallentamenti lungo le principali vie di comunicazione in direzione Salorno e Lavis.

 

Dopo le prime cure del caso da parte del personale sanitario, i feriti sono stati trasportati all'ospedale per accertamenti e approfondimenti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato