Contenuto sponsorizzato

''Ti tolgo le budella e te le metto in testa''. Minaccia l'autista dell'autobus e se la cava con una multa di 50 euro

E' successo nel 2016 sulla linea di Gardolo. Protagonista un passeggero di 70 anni che si è qualificato come 'legionario'

Pubblicato il - 26 settembre 2018 - 09:37

TRENTO. "Ti ammazzo, ti tolgo le budella e te le metto in testa. Io sono peggio della mafia". Queste le parole, e le minacce, che si è dovuto subire l'autista di un autobus che nel settembre del 2016 stava facendo salire a bordo gli utenti di Trentino Trasporti alla fermata di Gardolo.

 

Successe che un passeggero, un 70enne poi denunciato, nel salire aveva gettato una sigaretta in strada, rischiando di colpire in volto una ragazza che era in fila dopo di lui. La ragazza aveva espresso, con una smorfia, il suo disappunto, guardando il conducente che per commentare l'episodio aveva allargato le braccia. Un gesto che aveva mandato il passeggero maleducato su tutte le furie.

 

Le parole grosse e le minacce sono arrivata proprio a questo punto, quando il 70enne di Gardolo ha inveito contro l'autista. Nel confronto si era anche qualificato, spiegando di essere un legionario, aggiungendo poi le frasi riportate sopra. Finita la corsa, il conducente aveva sporto denuncia e successivamente i carabinieri avevano individuato il responsabile.

 

Al 70enne, denunciato, è stata comminata una condanna che si è tradotta con una multa da 50 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato