Contenuto sponsorizzato

''Ti tolgo le budella e te le metto in testa''. Minaccia l'autista dell'autobus e se la cava con una multa di 50 euro

E' successo nel 2016 sulla linea di Gardolo. Protagonista un passeggero di 70 anni che si è qualificato come 'legionario'

Pubblicato il - 26 settembre 2018 - 09:37

TRENTO. "Ti ammazzo, ti tolgo le budella e te le metto in testa. Io sono peggio della mafia". Queste le parole, e le minacce, che si è dovuto subire l'autista di un autobus che nel settembre del 2016 stava facendo salire a bordo gli utenti di Trentino Trasporti alla fermata di Gardolo.

 

Successe che un passeggero, un 70enne poi denunciato, nel salire aveva gettato una sigaretta in strada, rischiando di colpire in volto una ragazza che era in fila dopo di lui. La ragazza aveva espresso, con una smorfia, il suo disappunto, guardando il conducente che per commentare l'episodio aveva allargato le braccia. Un gesto che aveva mandato il passeggero maleducato su tutte le furie.

 

Le parole grosse e le minacce sono arrivata proprio a questo punto, quando il 70enne di Gardolo ha inveito contro l'autista. Nel confronto si era anche qualificato, spiegando di essere un legionario, aggiungendo poi le frasi riportate sopra. Finita la corsa, il conducente aveva sporto denuncia e successivamente i carabinieri avevano individuato il responsabile.

 

Al 70enne, denunciato, è stata comminata una condanna che si è tradotta con una multa da 50 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato