Contenuto sponsorizzato

Trans assolta, non è lei che ha rubato il Rolex. Il cliente non si ricordava il volto, decisivo il confronto

Sulla trans è stata eseguita anche una perizia per verificare l'avvenuta transizione e se i seni fossero finti oppure veri. Assolta, ora si indaga su persona che le somiglia

Pubblicato il - 22 giugno 2018 - 11:50

TRENTO. Diciamo che il volto non è stata la parte del corpo che più ha attirato l'attenzione del cliente di una trans, perché quando la polizia gli ha mostrato alcune foto segnaletiche, del volto ovviamente, l'uomo è andato in confusione e ha indicato come l'autrice del furto del suo Rolex una persona che non c'entrava affatto.

 

Subito dopo aver consumato la prestazione, mentre si stava facendo la doccia, la trans si è intascata il prezioso orologio e poi ha chiesto come 'riscatto' 2 mila euro. Fingendo di assecondare la richiesta, l'uomo è uscito dall'appartamento con la scusa di prelevare il denaro, recandosi invece in Questura per raccontare l'accaduto.

 

All'arrivo della polizia, della trans nessuna traccia. L'appartamento usato come alcova non è intestato alla prostituta e dall'intestatario è impossibile risalire all'autore del furto. Si sottopongono quindi alla vittima le foto segnaletiche e senza nessun dubbio viene indicata una trans di origini sudamericane.

 

Rintracciata, ha un alibi di ferro: in quel momento era fuori città, ricoverata in ospedale in Veneto. Ma l'indagine continua, all'indagata viene addirittura negato il rinnovo del permesso di soggiorno. La stessa indagata indica un'altra trans, che le assomiglia, come possibile autrice del reato.

 

Alla parte lesa, l'uomo che ha subito il furto dopo la prestazione sessuale, sono quindi sottoposte altre foto segnaletiche, che comprendono la trans che assomiglia all'indagata. Ma l'uomo è sicuro e indica di nuovo la stessa trans. E' qui che la difesa chiede il confronto diretto con l'accusatore: durante il processo, uno di fronte all'altro, la vittima si ricrede e dice che la persona che ha davanti non è l'autrice del furto del suo Rolex.

 

Per approfondire la vicenda è stato eseguita pure una perizia affidata ad un ginecologo-sessuologo. Ha dovuto verificare se i seni della trans fossero veri oppure finti, se la transizione al sesso femminile fosse completata. Ora le indagini ora si sono spostate verso la persona che somiglia alla trans sudamericana, quella indicata erroneamente dal cliente derubato e smemorato è stata assolta

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato