Contenuto sponsorizzato

Trento, dramma in via Rosmini, trovata morta in casa dopo diversi giorni

Le analisi delle forze dell'ordine e dei medici escludono la morte violenta. A scoprire quello che era successo il figlio 

Pubblicato il - 22 June 2018 - 08:28

TRENTO. Amava il suo nipotino ed era la sua ragioni di vita. Ieri, però, Giovanna Vidott Ragno, 70 anni, non si è presentata al consueto appuntamento del giovedì, giornata che era solita trascorrere assieme a lui.

 

Insospettito, il figlio Christian ha quindi deciso di andare a casa della madre in via Rosmini a vedere cosa potrebbe essere successo. Ha suonato il campanello ma nessuno gli ha aperto. Allora ha usato le chiavi che si era portato dietro, è entrato e in soggiorno ha trovato il corpo senza vita della madre.

 

Immediatamente sono stati chiamati i soccorsi e la polizia. Gli accertamenti fatti dalle forze dell'ordine e dai medici al momento non hanno chiarito completamente quello che è successo. E' stata scartata la morte violenta e tra le ipotesi si parla di un problema cardiaco che avrebbe portato la donna ad avere un malore e a cadere per terra senza più riprendersi.

 

L'ultima volta che il figlio l'aveva vista era giovedì scorso mentre i titolari della gelateria sotto casa l'avevano incontrata l'ultima volta sabato. L'ipotesi è che il malore improvviso sia arrivato domenica. Saranno le analisi del medico legale a chiarire cosa è successo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 March - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

01 March - 11:09

Kompatscher ha pubblicato alcuni insulti che gli sono stati recapitati via social, l’appello contro odio e fake news: “Informazioni fuorvianti possono portare a decisioni sbagliate e mettono a rischio la coesione e la fiducia che sarebbero necessarie ora per superare la crisi”

01 March - 11:10

La notizia è stata confermata dall'Azienda sanitaria altoatesina a il Dolomiti. In Provincia di Bolzano i controlli sulle varianti sono estesissimi e a pochi giorni fa erano già 630 i casi di mutazioni trovati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato