Contenuto sponsorizzato

Troppi batteri nell'acqua dopo il maltempo, a Lavis quella del rubinetto si deve bollire

E' vietato l'uso dell'acqua potabile proveniente dall'acquedotto del Comune di Lavis per usi alimentari, se non viene prima bollita
QUI AGGIORNAMENTO

Di L.A. - 01 novembre 2018 - 20:11

LAVIS. E' vietato l'uso dell'acqua potabile proveniente dall'acquedotto del Comune di Lavis per usi alimentari, se non viene prima bollita.

 

L'amministrazione ha emesso un'ordinanza dopo le analisi chimiche effettuate dalla società concessionaria Air spa a seguito degli eventi atmosferici dei giorni scorsi hanno evidenziato la presenza nell'acqua fornita dall'acquedotto del Comune di Lavis di batteri oltre il livello massimo previsto dalla normativa. Il divieto vale fino a revoca con successiva ordinanza.

 

Le particolari condizioni causate dalle insistenti e forti piogge hanno determinato la crisi funzionale delle sorgenti che approvvigionano l'acquedotto. Solo nei prossimi giorni sarà possibile effettuare ulteriori analisi per verificare il rientro dei valori. Nel frattempo i vigili del fuoco di Lavis sono all'opera per sistemare le criticità dovuto al maltempo.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. I responsabili: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato