Contenuto sponsorizzato

Trovata senza vita a soli 22 anni a casa dell'amico

Alina Amelina è morta, secondo la prima diagnosi, per un arresto cardiocircolatorio 

Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 08:38

RIVA DEL GARDA. L'allarme è stato dato ieri mattina alle 9.30 ma ormai non c'era più nulla da fare. Alina Amelina, 22 anni residente a Riva, è stata trovata morta nel letto dell'abitazione di un amico a Massone. L'uomo, un 37enne originario di Arco, ha cercato di svegliarla ma da parte della ragazza non è arrivato alcun segno.

 

Immediatamente ha capito che qualcosa non andava e che la situazione era grave ed ha chiamato i soccorsi. I sanitari del 118, però, all'arrivo in casa non hanno potuto far altro che constatare la morte della 22enne. La prima diagnosi è arresto cardiocircolatorio. 

 

Come da prassi in questi casi sul posto sono stati fatti arrivare anche i carabinieri che si sono messi al lavoro facendo i rilievi necessari per capire cosa era successo e cosa potrebbe aver portato alla morte la giovane ragazza.

 

All'interno dell'abitazione non sono stati trovati, almeno dai primi rilievi, tracce particolari, nemmeno di sostanze stupefacenti. Si dovrà attendere ora i primi giorni della prossima settimana per la relazione completa dei carabinieri. Intanto da parte della procura è stato aperto un fascicolo , al momento senza indagati, per poter nei prossimi giorni disporre l'autopsia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato