Contenuto sponsorizzato

Trovata senza vita a soli 22 anni a casa dell'amico

Alina Amelina è morta, secondo la prima diagnosi, per un arresto cardiocircolatorio 

Pubblicato il - 01 aprile 2018 - 08:38

RIVA DEL GARDA. L'allarme è stato dato ieri mattina alle 9.30 ma ormai non c'era più nulla da fare. Alina Amelina, 22 anni residente a Riva, è stata trovata morta nel letto dell'abitazione di un amico a Massone. L'uomo, un 37enne originario di Arco, ha cercato di svegliarla ma da parte della ragazza non è arrivato alcun segno.

 

Immediatamente ha capito che qualcosa non andava e che la situazione era grave ed ha chiamato i soccorsi. I sanitari del 118, però, all'arrivo in casa non hanno potuto far altro che constatare la morte della 22enne. La prima diagnosi è arresto cardiocircolatorio. 

 

Come da prassi in questi casi sul posto sono stati fatti arrivare anche i carabinieri che si sono messi al lavoro facendo i rilievi necessari per capire cosa era successo e cosa potrebbe aver portato alla morte la giovane ragazza.

 

All'interno dell'abitazione non sono stati trovati, almeno dai primi rilievi, tracce particolari, nemmeno di sostanze stupefacenti. Si dovrà attendere ora i primi giorni della prossima settimana per la relazione completa dei carabinieri. Intanto da parte della procura è stato aperto un fascicolo , al momento senza indagati, per poter nei prossimi giorni disporre l'autopsia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato