Contenuto sponsorizzato

Ubriaca e con un coltello creava disturbo in un negozio, denunciata una 46enne

La donna si trovava in una attività di piazza Venezia quando i titolari hanno chiamato i carabinieri. Ora deve rispondere del reato di “porto di armi o oggetti atti ad offendere”

Pubblicato il - 30 luglio 2018 - 18:25

TRENTO. Si trovava ubriaca all'interno di un'attività commerciale e con lei aveva anche un coltello a serramanico. A finire nei guai è stata una 46enne ucraina. Il fatto è avvenuto sabato sera in piazza Venezia dove i carabinieri di Trento hanno deferito in stato di libertà la donna.

 

L’intervento, come già detto, è stato richiesto per disturbi all’interno di un’attività commerciale e il repentino intervento dei carabinieri ha permesso di bloccare la donna che, sotto l’influenza di uno smodato uso di alcool, veniva trovata in possesso di un coltello a serramanico.

 

La donna dovrà rispondere del reato di “porto di armi o oggetti atti ad offendere” davanti all’autorità giudiziaria trentina e dovrà versare la somma di 102 euro per la violazione amministrativa accertata a seguito dell’esagerato uso di alcool.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 05:01

Il rischio è che tante persone che in questi mesi hanno trovato un riparo durante la notte grazie ai posti messi a disposizione dal Comune all'Ostello della Gioventù finiscano nuovamente a dormire in strada. Questa sera sarà l'ultima notte anche per gli spazi aperti nella Chiesa di Centochiavi ma potranno essere riattivati

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato