Contenuto sponsorizzato

''Un patto di fratellanza tra criminali'', ecco il VIDEO e altri dettagli della maxi-operazione dei carabinieri

Sono state arrestate 23 persone. Un sodalizio criminale ben rodato e composto da "fraterni consociati"

Pubblicato il - 03 ottobre 2018 - 21:03

TRENTO. “La fratellanza sopra tutto”, questo sembra essere stato il motto che legava i soci dell'organizzazione criminale smantellata dai Carabinieri di Trento con la maxi operazione “Vecchia Fattoria che ha portato all'arresto di 23 persone.

 

Ieri mattina, in una cascina a Sant'Angelo Lodigiano, sono entrati in azione i militari dopo un anno di indagini che hanno visto al lavoro il nucleo investigativo trentino.

 

L’operazione Vecchia Fattoria ha evidenziato – come chiaramente emerge nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari, Marco Laganga, che non soltanto si trattasse di un sodalizio criminale ben rodato, ma per meglio definirlo, si trattasse di un sodalizio fraterno tra i consociati.

 

In molte intercettazioni, infatti, i carabinieri hanno constatato venisse proclamato tra tutti gli “adepti” un fortissimo patto di fratellanza, rispondente ad un più alto senso di appartenenza ad un nucleo quasi famigliare, anche se il vincolo di parentela era presente sono tra alcuni solidali. Il lavorare per il bene comune veniva di fatto dimostrato nella professionalità illecita nel commettere furti e razzie, tanto che chi contravveniva a tale modus vivendi rischiava di essere denunciato ai carabinieri per volere di Meclaut Paun, indiscusso capo banda.

 

Le intercettazioni hanno svelato la capacità degli associati di rivolgersi in maniera criptica tra loro nel disquisire dei colpi e delle richieste “preordinate” che giungevano dai ricettatori. Solo in pochissimi casi sono state registrate conversazioni chiare circa l’attuazione delle razzie e l’allontanamento organizzato dai luoghi del reato.

 

Questo quadro ha fatto ritenere l’Autorità Giudiziaria in primis, che gli indagati vivessero in uno stato di tranquillità e di presunta impunità, tanto da tornare serenamente in diverse occasioni sui luoghi di reati già commessi per replicare l’attività illecita.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 giugno - 20:24
David Dallago ha chiesto di essere ascoltato dalla Pm e questo potrebbe avvenire già entro questa settimana. Nei giorni scorsi, intanto, sono [...]
Cronaca
29 giugno - 20:08
Provincia e Apss intervengono sulla questione dopo i danneggiamenti di questa notte in Piazza Dante: “Il soggetto era già conosciuto e Apss era [...]
Cronaca
29 giugno - 20:24
La protesta si è svolta oggi (29 giugno) sotto il palazzo della Regione. A prendere parte diverse associazioni: "Simili episodi non devono mai [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato