Contenuto sponsorizzato

Va a funghi, ma muore sotto gli occhi della figlia

E' successo intorno alle 8.15 in Val Campelle in località Ponte Conseria. Fatale un malore. Sul posto Soccorso alpino, vigili del fuoco e elicottero.
QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 20 settembre 2018 - 11:52

SCURELLE. Tragedia nei boschi della Val Campelle, poco lontano dalla località Ponte Conseria. Intorno alle 8.15 un uomo di Levico, classe 1956, ha perso la vita.

 

L'uomo di 62 anni era uscito con la figlia per cercare funghi, quando ha accusato un malore e si è accasciato a terra.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i gli uomini del Soccorso alpino dell'area Trentino Orientale, i vigili del fuoco di zona e l'elicottero.

 

L'equipe medica ha avviato le manovre per rianimare la persona.

 

Dopo diversi tentativi il personale sanitario non ha però potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo. Fatale il malore.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato