Contenuto sponsorizzato

Va a raccogliere i funghi e non torna a casa, trovato morto dopo una caduta di 40 metri

L'uomo è un settantaquattrenne di Tonadico che viveva da solo. Questa mattina i familiari hanno dato l'allarme ma le ricerche si sono concluse nel modo più tragico possibile

Pubblicato il - 19 agosto 2018 - 13:37

PRIMIERO. Era andato a raccogliere i funghi ma non ha fatto rientro a casa e questa mattina è stato ritrovato senza vita tra i boschi. Si sono concluse nel modo più tragico possibile le ricerche di un settantaquattrenne di Tonadico. L'uomo era uscito di casa ieri da solo per andare alla ricerca di funghi.

 

Alla sera però, non è rientrato a casa ma vivendo da solo nessuno si è accorto nell'immediato del fatto. Questa mattina i familiari lo hanno cercato senza però avere risposta e una volta che si sono accorti che l'uomo non aveva fatto rientro a casa, preoccupati, hanno dato l'allarme. Erano circa le 9.45 quando sono cominciate le ricerche.

 

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino Orientale del Soccorso Alpino ha subito organizzato le operazioni con del personale di terra. Hanno partecipato alle ricerche anche i vigili del fuoco e la guardia di finanza, per un totale di una ventina di uomini coinvolti. Prima che potessero intervenire le unità cinofile, il corpo senza vita dell’uomo è stato trovato nei pressi di Maso Tais (Tonadico).

 

Non è ancora chiaro quanto possa essere accaduto anche se dalle prime ricostruzioni si presume che l’uomo sia scivolato mentre stava cercando i funghi e sia precipitato lungo una scarpata per circa 40 metri. La salma è stata portata alla cappella mortuaria di Primiero (Pieve).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato