Contenuto sponsorizzato

Viaggiava con un manganello tonfa e un tirapugni a portata di mano, nei guai un 36enne

Il conducente dell'autocarro con rimorchio è stato fermato dalla polizia locale di Trento in via Sanseverino. Gli agenti volevano controllare il rispetto dei tempi di percorrenza e velocità, ma in cabina hanno trovato i due oggetti

Pubblicato il - 24 August 2018 - 11:54

TRENTO. Un manganello tonfa e un tirapugni, questo quanto ritrovato dalla polizia locale di Trento nell'autocarro con rimorchio di un polacco di 36 anni.

 

Il 36enne è stato fermato in via Sanseverino, l'intenzione degli agenti era quello do verificare tempi di guida e velocità. Un normale controllo per approfondire il rispetto delle normative.

 

Nel corso dell'operazione un agente ha però notato all'interno della guida due oggetti particolari.

 

Un manganello tonfa, un'arma tradizionale che trae origine dalle arti marziali, composto da un un'impugnatura di 12 centimetri e una lunghezza tra i 50 e i 60 centimetri, ma anche un tirapugni. 

 

In Italia per l'acquisto e la detenzione di questi oggetti è necessario il possesso di un'apposita licenza: la polizia ha così denunciato e sequestrato queste armi.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 January - 09:02

La tragedia è avvenuta ieri mattina in via Leonardo da Vinci a Borgo Sacco. Inutili purtroppo i tentativi di rianimazione 

24 January - 09:23

Dopo la morte di Matiu la dura presa di posizione de Il gioco degli specchi: “È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra. Nel mirino anche Segnana che sostiene che i posti letto sia sufficienti: “Le persone costrette a dormire all’aperto sono ancora tante”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato