Contenuto sponsorizzato

Viene investita e con la gamba finisce sotto una ruota della macchina. Paura per una donna 48enne trasportata in ospedale

E' successo a Ponte Arche. La donna si stava recando al posto di lavoro quando è stata investita. Sul posto la Polizia delle Giudicarie e i soccorsi sanitari 

Pubblicato il - 28 settembre 2018 - 13:03

COMANO TERME. E' stata trasportata all'ospedale di Tione la donna di 48 anni che questa mattina, andando al lavoro, è stata investita da un'auto.

 

L'incidente è avvenuto attorno alle 7 a Ponte Arche. La donna stava attraversando la strada sulle strisce per raggiungere il proprio posto di lavoro quando un'auto, guidata da un 28enne del posto, l'ha urtata con lo specchietto facendola finire a terra. Purtroppo oltre ad un trauma facciale, la donna è stata anche schiacciata una gamba finita sotto una ruota della macchina.

 

Sul posto si sono portati  la Polizia delle Giudicarie e i soccorsi sanitari che hanno trasportato la donna all'ospedale di Tione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato