Contenuto sponsorizzato

Accende la stufa e scoppia un incendio. I vigili del fuoco demoliscono la canna fumaria e parte del tetto. Un'anziana in ospedale

L'allarme è scattato questa mattina a Cologna, frazione di Pieve di Bono, quando una densa colonna di fumo si è alzata in cielo. In poco tempo la canna fumaria è stata avvolta dalle fiamme per intaccare anche parte della copertura dell'abitazione. Sul posto i pompieri di Pieve di Bono e Tione

Pubblicato il - 31 ottobre 2019 - 13:55

PIEVE DI BONO. Un'anziana ha acceso la stufa per riscaldarsi, ma la canna fumaria è finita in fiamme. Momenti di apprensione in valle del Chiese.

 

L'allarme è scattato questa mattina a Cologna, frazione di Pieve di Bono, quando una densa colonna di fumo si è alzata in cielo. 

 

In poco tempo la canna fumaria è stata avvolta dalle fiamme per intaccare anche parte della copertura dell'abitazione.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, vigili del fuoco di Pieve di Bono, il corpo di Tione, il personale sanitario e le forze dell'ordine.

 

I pompieri hanno messo in sicurezza l'area e quindi hanno avviato le operazioni di spegnimento.

 

Un'attività lunga e delicata, i vigili del fuoco per riuscire a domare l'incendio si sono trovati costretti a demolire la canna fumaria e tagliare parte del tetto dell'edificio.

 

Terminata l'operazione, i pompieri hanno avviato la bonifica e quindi hanno verificato la stabilità dell'edificio. L'intervento si è concluso intorno alle 10.30.

 

L'anziana residente è stata, invece, portata all'ospedale di Tione per accertamenti e approfondimenti al fine di escludere eventuali intossicazioni da monossido di carbonio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 11:19

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione in rianimazione. Oltre 8 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 559 le vittime nella seconda ondata 

26 gennaio - 12:54

In quella zona sono state ritrovate tracce di sangue attribuite dai Ris a Peter Neumair, il 63enne scomparso insieme alla compagna, Laura Perselli, a inizio gennaio. Dispiegamento di forze per un'analisi approfondita

26 gennaio - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato