Contenuto sponsorizzato

Arrestati madre e figlio che viaggiavano in auto con oltre 300 grammi di sostanze stupefacenti

Il controllo è avvenuto al casello di Bolzano sud ad insospettire gli agenti sono state le giustificazioni non richieste e perfino contrastanti fornite dai due sospetti. Nell’auto dei due sono stati trovati 285 grammi di eroina e 55 di cocaina

Pubblicato il - 18 settembre 2019 - 19:36

BOLZANO. “Excusatio non petita, accusatio manifesta” recita un detto medievale, ovvero affannarsi a giustificare il proprio operato senza che sia richiesto potrebbe essere considerato un forte indizio del fatto che si abbia qualcosa da nascondere.

 

Così è stato per madre e figlio bolzanini, 47 anni lei 26 lui, incappati domenica scorsa nei controlli della polizia all’altezza del casello autostradale di Bolzano sud.

 

Ad insospettire gli agenti infatti è stato il comportamento della conducente dell’automobile che in un primo momento tentava di spostarsi nelle corsie più lontane nel vano tentativo di eludere i controlli.

 

Dopodiché le due persone che viaggiavano a bordo di un’utilitaria di color oro fornivano tutta una serie di informazioni non richieste, circa la loro provenienza e destinazione.

Ad un primo controllo la donna risultava anche essere stata denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale, mentre il figlio che viaggiava con lei appariva in stato di forte agitazione.

 

Quest’ultimo, una volta interrogato, dava una versione dei fatti, rispetto a luoghi e circostanze del viaggio, diversa da quelle fornita dalla madre.

 

Per questi motivi gli agenti di polizia hanno ritenuto di dover accompagnare i due soggetti in questura per controlli più approfonditi.

 

In seguito alle operazioni di ricerca effettuate all’interno della vettura venivano rinvenuti 285 grammi di eroina e 55 di cocaina occultati sotto il sedile del guidatore, all’interno di un beauty-case.

 

A questo punto gli uomini della polizia hanno deciso di effettuare una perquisizione anche nell’abitazione privata della donna rinvenendo due bilancini di precisione.  

 

Per questi motivi i due soggetti venivano tratti in arresto: la donna è stata condotta alla Casa Circondariale di Spini di Gardolo, mentre il giovane è stato confinato agli arresti domiciliari. 

 

Le relative analisi hanno permesso di accertare l’ottima qualità della cocaina che si presentava con un principio attivo superiore al 70%.

 

Da questa partita di droga si sarebbero potute ricavare circa 250 dosi, mentre dall’eroina sequestrata circa 400, secondo gli agenti tutte destinate a consumatori locali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 12:38

L'ex assessore è intervenuto sulle affermazioni del critico d'arte rilasciate a "L'aria che tira" il programma condotto da Myrta Merlino su La7, la replica del presidente del Mart: "Sono opinioni personali e non è necessario che gli piacciano, anche perché è una nullità e non serve che mi faccia la morale"

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

18 ottobre - 11:08

Ieri pomeriggio il ragazzo era alla guida del suo furgone quando ad un certo punto è finito contro un tir che lo precedeva. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato