Contenuto sponsorizzato

Autostrada, dopo la neve la situazione torna alla normalità. Tra Chiusa e Brennero soccorse 4.500 persone

Maltempo in Alto Adige, weekend di interventi per vigili del fuoco e Croce Bianca. In panne uno spazzaneve: più di due ore per sostituire una ruota. Domani chiuse le scuole dell'istituto comprensivo di Sarentino

Foto di Feuerwehr St. Leonhard, tratta da Facebook
Pubblicato il - 03 febbraio 2019 - 18:36

TRENTO. Se la domenica, dopo le nevicate della settimana, per i vigili del fuoco trentini è stato un weekend di interventi, da meno non è stato quello che si è appena concluso per i vigili del fuoco altoatesini.

 

È terminato domenica mattina alle 7 l'intervento della squadra di protezione civile della Croce Bianca sull'Autostrada del Brennero in val Pusteria. Un intervento, condotto in collaborazione con i vigili del fuoco e iniziato venerdì sera alle 23 per assistere le persone bloccate lungo il tratto autostradale tra Chiusa e Brennero e sulla strada statale della val Pusteria.

 

Gli operatori hanno fornito bibite calde, pasti e coperte e hanno allestito quattro centri d'emergenza a Chiusa, Varna, Rio Pusteria e Vipiteno per i viaggiatori evacuati dall'autostrada.

Il motosoccorso ha lavorato tra le automobili e i tir in colonna ed è arrivato dove con le ambulanze non era possibile passare, prestando aiuto agli automobilisti in difficoltà.

 

I numeri totali dell'intervento: ci hanno preso parte 9 gruppi di intervento della protezione civile con 55 persone, il motosoccorso e le ambulanze. Durante le operazioni sono state soccorse ed aiutate 4.500 persone. Ma dopo l'emergenza rimane la polemica politica (qui l'articolo).

 

Un intervento spettacolare è stato anche quello di sabato dei vigili del fuoco di San Leonardo in Passiria, chiamati in soccorso di uno spazzaneve con un problema a una ruota che doveva essere sostituita. I vigili del fuoco sono intervenuti con un sacco di sollevamento per alzare il pesante mezzo e poter quindi lavorare sulla ruota: hanno smontato la gomma rotta e montato una gomma di scorta. Un intervento complesso, durato dalle 15.48 alle 18.32, andato a buon fine.

Sabato i vigili del fuoco di Rifiano hanno lavorato per contrastare l'effetto dei circa 60 centimetri di neve fresca caduti nel comune con due spazzaneve e un mezzo di servizio. Sette uomini che hanno garantito la viabilità sulla strada: a causa delle precipitazioni la carreggiata era stata ostruita da frammenti di alberi e rami.

 

Nel pomeriggio di domenica, poi, sempre una squadra dei vigili del fuoco di Rifiano è intervenuta in paese per togliere la neve accumulata e mettere in sicurezza il tetto della scuola elementare.

 

Parlando di scuole non si può non citare la chiusura di tutte le scuole dell'istituto comprensivo di Sarentino prevista per oggi, lunedì 4 febbraio. Ad annunciarlo una circolare firmata dal direttore che parla di "motivi legati alla protezione civile" e "ragioni organizzative".

 

Diverse infine le valanghe registrate domenica pomeriggio che hanno anche richiesto l'intervento dei vigili del fuoco di Moso (Passiria) e di Sesto in supporto degli elicotteri e del Soccorso alpino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato