Contenuto sponsorizzato

Cade in un pozzetto, rimane con la gamba incastrata e rischia di affogare, momenti di paura per un operaio

E' successo nella serata di ieri a Settequerce. Un collega ha cercato di aiutarlo affinché non affogasse nell'acqua fino a quando non sono arrivati i soccorsi  

Pubblicato il - 30 novembre 2019 - 08:10

BOLZANO. Una gamba incastrata e l'acqua che continuava a salire senza mai fermarsi. Sono stati momenti drammatici quelli vissuti nella tarda serata di ieri a Settequerce dove un operaio è rimasto vittima di un incidente sul lavoro.

 

L'uomo, assieme ad un altro collega, stava pulendo un pozzetto quando ad un certo punto il cuscino pneumatico che serviva per otturare la condotta si è rotto trascinando poi l'operaio che è rimasto incastrato con una gamba in balia dell'acqua che continuava a salire.

 

Il collega, affinché non affogasse, ha cercato di tenergli sollevata la testa fino a quando, le urla di aiuto sono state sentite dagli abitanti delle case vicine che hanno immediatamente chiamato i soccorsi.

 

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i soccorsi sanitari. L'uomo è stato fatto uscire dal tombino e subito dopo essere stato stabilizzato sul posto è stato trasferito in ospedale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato