Contenuto sponsorizzato

Cade in una scarpata e finisce nel greto di un torrente. Il soccorso alpino salva il cagnolino Ettore

L'animale era ruzzolato per una trentina di metri finendo nel greto del torrente Ardo. Due squadre sono salite a piedi e un operatore si è calato dall'alto

Pubblicato il - 13 agosto 2019 - 18:35

BELLUNO. Si era spinto troppo oltre sul ciglio di una scarpata ed era ruzzolato nel greto del torrente trovando, fortunatamente, un riparo. I padroni hanno fatto tutti i tentativi del caso per cercare di soccorrerlo ma i rischi erano troppo alti e così hanno chiesto aiuto. Attorno a mezzogiorno e mezza, ricevuto poco prima l'allerta dalla Centrale operativa del 118, il Soccorso alpino di Belluno è intervenuto sotto il Rifugio Settimo alpini nel Gruppo di Schiara.

 

C'era da salvare Ettore, un cagnolino bianco e marrone rimasto bloccato tra le rocce e l'acqua sul greto del torrente Ardo, all'altezza del terzo ponte, poco prima del Calvario.

 

 

L'intervento non è stato semplice. Una squadra è arrivata dalle case Bortot e un'altra è salita dalla strada delle gallerie. Raggiunto a piedi alle 14 il punto da dove era scivolata la bestiola, uno dei soccorritori è stato calato con un paranco sulla verticale per una trentina di metri.

 

 

A quel punto ha raggiunto il cagnolino che, fortunatamente, stava bene nonostante la lunga ruzzolata e si è subito fatto avvicinare dal soccorritore che lo ha assicurata con un apposito imbrago. A quel punto ha dato il segnale e assieme a Ettore è risalito sostenuto dall'alto dagli altri soccorritori. Assieme sono stati sollevati fino al sentiero e il cagnolino è stato finalmente riconsegnato in piena salute al proprietario trevigiano.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato