Contenuto sponsorizzato

Cede la strada forestale e il pick-up rimane intrappolato. Intervengono i vigili del fuoco

Intorno alle 14 la chiamata per i pompieri di Malé che sono intervenuti con sei vigili e un fuoristrada

Pubblicato il - 03 giugno 2019 - 17:07

MALE'. Stava percorrendo una strada forestale tra i boschi di Montes quando la ruota ha perso aderenza ed è rimasta bloccata in un buco provocato dal crollo del terreno. Il terreno, infatti, provato come in altre parti del Trentino dal maltempo di maggio ha ceduto proprio all'altezza di una canaletta di scolo.

 

 

 L'acqua, quindi, probabilmente, ha reso più friabile quel punto di strada forestale e così quando il pick-up vi si è trovato a passare anche gli ultimi punti di appoggio per la ruota sono franati. Il mezzo è rimasto bloccato e all'uomo che si trovava alla guida non è restato altro da fare che chiamare i vigili del fuoco.

 

 

La chiamata per i pompieri di Malé è arrivata intorno alle 14 e subito i soccorritori si sono recati sul posto con un fuoristrada e sei vigili. A quel punto il pick-up è stato agganciato al fuoristrada ed è stato ''liberato''. Adesso bisognerà provvedere a mettere in sicurezza la strada forestale in quel tratto. 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 05:01

Una famiglia si trova da martedì scorso tutta a casa in attesa dell'esito del tampone della figlia che da scuola, lunedì, era tornata con il raffreddore. E se ancora non è arrivata l'influenza e i primi raffreddori e mal di gola stanno arrivando proprio in questi giorni cosa succederà con il peggiorare della situazione? Sono sufficienti i tamponi a tenere sotto controllo la situazione?

29 settembre - 08:22

Da Parigi a Madrid l'ondata di virus non si ferma. In Germania è stato individuato un nuovo focolaio dopo una festa in famiglia fatta in un appartamento 

28 settembre - 18:59

Secondo l'Fp Cgil, dal 2013 sarebbero 102 i divulgatori (10 nell'ultimo mese) che hanno abbandonato il principale museo trentino per condizioni di lavoro inaccettabili. Orari non rispettati, contratti peggiorativi, competenze non riconosciute, alcune delle questioni al centro delle rivendicazioni di un settore in stato d'agitazione da ormai un anno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato