Contenuto sponsorizzato

Crede di essere a Milano, ma l'84enne si trova a Pozza di Fassa, soccorsa dalla polizia locale: ''Allertare le autorità se si vedono persone in difficoltà''

Un'operazione particolarmente complessa che ha coinvolto tantissimi uffici tra Milano, città d'origine dell'84enne, e la val di Fassa. A lanciare l'allarme i titolari dell'hotel Gemmy che hanno fatto accomodare la signora in difficoltà e avvertito la polizia locale della val di Fassa

Di L.A. - 05 agosto 2019 - 19:26

POZZA DI FASSA. Si è conclusa nel migliore dei modi la vicenda che ha visto protagonista una turista di 84 anni, Angela, uscita da un appartamento a Vigo di Fassa nella mattina di oggi, lunedì 5 agosto, e ritrovata spaesata e confusa tra le vie di Pozza

 

"Fortunatamente - commenta Gianluca Ruggiero, comandante della polizia locale della val di Fassa - i titolari dell'hotel Gemmy sono stati molto premurosi e gentili. Hanno visto la signora fuori dall'albergo per qualche minuto, così hanno fatto accomodare Angela e le hanno portato un po' di conforto in quanto pensava di essere a Milano. Nel frattempo ci hanno contattato. L'allarme è scattato intorno alle 8.30 di questa mattina. Immediatamente un nostro agente si è portato alla struttura alberghiera per avviare gli approfondimenti del caso".

 

Un'operazione particolarmente complessa che ha coinvolto tantissimi uffici tra Milano, città d'origine dell'84enne, e la val di Fassa. "La ricerca dell'unico parente, un nipote, è durata diverse ore. Abbiamo contattato - prosegue il comandante - il comune lombardo, la polizia locale meneghina e gli uffici dell'anagrafe per risalire al ragazzo".

 

Una volta ottenute le informazioni necessarie, il tutto si è spostato nuovamente in Trentino. "Abbiamo coinvolto - aggiunge la polizia locale - gli uffici dell'Azienda per il turismo per trovare l'alloggio di Angela, un appartamento in affitto a Vigo di Fassa. Dopo un'intesa mattinata, siamo riusciti ad accompagnare l'anziana a casa".

 

Un lieto fine per la disponibilità di numerosi uffici e l'azione tempestiva della polizia. "Se si nota una persona spaesata o in difficoltà - conclude Ruggiero - è importante avvertire le autorità preposte per trovare una soluzione rapida. Se in hotel non si fossero premurati, magari la conclusione sarebbe potuta essere ben più tragica".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 13:44

I fatti sono avvenuti intorno alle 11.45 come quel 7 gennaio 2015 quando morirono 20 persone. La zona è blindata e un uomo sarebbe già stato preso

24 settembre - 17:22

La mascherina è diventata dispositivo di protezione individuale indispensabile nella quotidianità di ognuno di noi. Quello che però può sembrare un semplice strumento, per altri può diventare un vero e proprio "muro". Per questa ragione è stato lanciato un modello di mascherina che permette di leggere il labiale e al tempo stesso protegge dal rischio di contagio

25 settembre - 12:26

Dal giorno della sua fuga, Denni è stata avvistata più volte, ma non si è mai riusciti a recuperarla. Si tratta di una meticcia di taglia media di 10 chili: "Si muove con destrezza e abilità: è brava, si sa gestire bene, schiva i pericoli e sceglie i posti più strategici per fermarsi a mangiare e riposare. Vuole rimanere libera, ma non può: è pericoloso per lei e per gli altri"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato