Contenuto sponsorizzato

Disegnano graffiti sulle carrozze del treno: denunciati due writers

I ragazzi, di 19 anni, sono stati trovati dalla Polfer allo scalo ferroviario di Trento-Roncafort: nei guai

Pubblicato il - 28 giugno 2019 - 10:42

TRENTO. Sono finiti nei guai due writers bolzanini. Li hanno pizzicati mercoledì 26 giugno gli agenti della Polfer.

 

I due ragazzi, entrambi 19enni, sarebbero stati intenti a disegnare dei graffiti su alcuni vagoni ferroviari. Per loro è scattata una denuncia in stato di libertà con l'accusa di danneggiamento.

 

L'episodio è avvenuto, nel corso di un servizio di sorveglianza predisposto proprio per contrastare questo fenomeno dalla polizia ferroviaria (allo scopo vengono anche usate delle telecamere), all'interno dello scalo Trento-Roncafort.

 

I due ragazzi sarebbero stati interrotti mentre disegnavano su alcune carrozze: alla vista della Polfer si sarebbero dati alla fuga sbarazzandosi di uno zaino pieno di bombolette. Sul posto sarebbero state trovate anche due macchine fotografiche e tre cellulari.

 

Il materiale è stato sequestrato e i due giovani, al termine di accertamenti, denunciati. Sono stati poi affidati alle rispettive famiglie.

 

"Il fenomeno "writers" - ricordano dalla questura - può sembrare un problema minore, ma imbrattare i vagoni ferroviari significa spesso procurare danni per centinaia di migliaia di euro, denaro necessario per la pulizia e il ripristino in esercizio. Inoltre, un aspetto non secondario è il fermo delle vetture o addirittura di interi convogli per giorni con ricadute negative per il servizio all'utenza".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

26 novembre - 13:12

La sperimentazione è iniziata domenica 22 novembre, giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero, a Cicognara in provincia di Mantova che rientra nella diocesi di Cremona. Niente monetine nella cesta delle offerte, ma un pagamento tracciato attraverso bancomat e carte di credito: "E' garantito l'anonimato e si può dedurre la spesa". VIDEO ALL'INTERNO

27 novembre - 11:20

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato