Contenuto sponsorizzato

Dogo Argentino ma anche di razza Akita Inu. Fermato un contrabbando di cuccioli in Val Venosta

La Guardia di Finanza ha bloccato un furgone sospetto con targa russa. All'interno nove cani 

Foto da internet
Pubblicato il - 08 May 2019 - 16:25

BOLZANO. Sono tre le persone finite nei guai per contrabbando di cuccioli in Alto Adige. L'operazione è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Silandro lo scorso 26 aprile e le indagini sono ancora in corso.

I militarsi durante alcuni controlli hanno fermato lungo la statale 38 un furgone sospetto con targa russa.

 

Alla guida vi erano tre persone mentre nella parte posteriore del mezzo, sotto chiave e in gabbia, c'erano 9 cani di razze diverse (Akita Inu, Nudo Cinese, Dogo Argentino e altri) e cinque erano cuccioli.

 

Insospettiti dalla situazione i militari della tenenza di Silandro hanno chiesto alle tre persone i propri documenti assieme a quelli sanitari degli animali. Da controlli sono emerse diverse incongruenze che i tre uomini non sono riusciti a chiarire.

La Finanza ha quindi deciso di sequestrare in via preventiva i cani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 13:05

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso: questo significa che sono assimilati a due distinti territori 

04 December - 15:05

Per il governatore veneto, dal punto di vista epidemiologico la chiusura dei confini comunali non ha una razio sostenibile. Nelle ultime 24 ore sono stati circa 3700 i nuovi contagi in Veneto, 83 le persone decedute 

04 December - 12:02

La Schützenkompanie Trient Major Giuseppe de Betta ha deciso di aderire all'iniziativa lanciata dalla Südtiroler Heimatbund, associazione separatista, in vista del tradizionale appuntamento dell'8 dicembre, quando al cimitero di Appiano si commemora il primo capo del Bas Sepp Kerschbaumer. Al posto della cerimonia, una campagna di manifesti ha portato anche a Trento il ricordo ambiguo della figura che diede avvio al terrorismo sudtirolese

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato