Contenuto sponsorizzato

Duro colpo per la segheria di Ziano. Dopo l'incendio dell'anno scorso, un altro silos in fiamme. Brucia anche parte del tetto

A lanciare l'allarme gli stessi operai che lavoravano nel piazzale così come proprio il comandante dei vigili del fuoco di Ziano che ha avvertito le esplosioni e quindi ha visto il fumo bianco salire dalla struttura. Sul posto anche i pompieri di Panchià, Cavalese, Predazzo, Tesero e i permanenti di Trento

Pubblicato il - 05 dicembre 2019 - 18:56

ZIANO DI FIEMME. Un duro colpo per la segheria della Magnifica comunità di Fiemme a Ziano. Dopo l'incendio di circa un anno fa, l'altro silos di segatura è finito in fiamme e anche parte del tetto dell'immobile è rimasto interessato dal fuoco. 

 

Prima qualche fortissima esplosione che si è sentita in tutta Ziano e poi una densa colonna di fumo che si è levata dalla struttura. L'allerta è scattata poco dopo le 14 nella zona produttiva ai margini del paese. Un grande silos di oltre 20 metri di altezza per l'aspirazione e l'accumulo delle segature si è incendiato.

A lanciare l'allarme gli stessi operai che lavoravano nel piazzale così come proprio il comandante dei vigili del fuoco di Ziano che ha avvertito le esplosioni e quindi ha visto il fumo bianco salire dalla struttura.

 

Tempestivo e rapidissimo l'arrivo dei pompieri, oltre al corpo di Ziano, sono arrivati i vigili del fuoco di Panchià e Cavalese, Predazzo e Tesero, ma anche i permanenti di Trento per un totale di oltre sessanta unità in azione per cercare di fronteggiare l'incendio.  

I pompieri hanno isolato e messo in sicurezza l'area, quindi hanno avviato le operazioni di spegnimento. Un intervento molto complicato, mentre alcune scintille sono scappate per intaccare anche il tetto della segheria.

 

Una volta spento l'incendio, l'intervento è proseguito con le operazioni di smassamento e bonifica, così come le verifiche della stabilità delle strutture. Fortunatamente non ci sono feriti o intossicati, mentre sono ingenti i danni riportati dalla segheria.

Cessata l'emergenza, i pompieri valutano ora come procedere per svuotare il silos dal materiale incendiato, mentre alcune squadre proseguono i monitoraggi per controllare che non ci siano ancora focolai accesi che possano far ripartire le fiamme. 

 

La macchina dei soccorsi è ancora sul posto per effettuare gli ultimi rilievi e capire le cause che hanno portato all'incendio. Anche la polizia si è portata alla segheria della Magnifica comunità di Fiemme per gli accertamenti di rito.

 

E' il secondo incendio che coinvolge le infrastrutture della segheria nel giro di dodici mesi a mettere fuori uso le strutture, mentre i nuovi silos dovrebbero essere pronti per la prossima settimana. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato