Contenuto sponsorizzato

Esce di strada con l'auto e finisce in un dirupo: è morto Sergio Dagnoli

Ieri mattina alcuni automobilisti si sono accorti dell'auto cappottata. All'interno c'era il corpo senza vita di Sergio Dagnoli, 38 anni. Cameriere in un hotel di Riva del Garda 

Pubblicato il - 22 maggio 2019 - 09:07

LIMONE. E' Sergio Dagnoli, l'uomo di 38 anni che ieri mattina ha perso la vita in un tragico incidente causato forse dall'asfalto reso viscido dalla pioggia oppure un improvviso colpo di sonno.

 

L'uomo, da quanto ricostruito dopo i primi rilievi, stava tornando a casa dal suo turno di lavoro quando, ad un certo punto, sulla Sp 115 che dalla Gardesana sale verso Limone e Tremosine, non è più riuscito a controllare l'auto finendo prima contro una roccia e poi in un dirupo. L'auto è stata trovata cappottata e il 38enne all'interno.

 

Attorno alle 6 di ieri mattina alcuni automobilisti di passaggio si sono accorti del mezzo e hanno dato subito l'allarme. Sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco di Riva del Garda con una squadra di dieci uomini e i soccorsi sanitari che non hanno potuto far altro che constatare la morte del 38enne.

 

Sergio lavorava come cameriere in un albergo di Riva del Garda. Secondo le prime ricostruzioni l'incidente sarebbe avvenuto al termine del turno di lavoro mentre faceva rientro a casa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 12:19

Stagione invernale a rischio, con il nuovo Dpcm il Governo ha disposto la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici che potranno essere utilizzati solo dagli atleti professionisti e di interesse nazionale. Gli sciatori amatoriali dovranno sperare in un eventuale vai libera del Comitato tecnico-scientifico

25 ottobre - 11:57

In Provincia di Bolzano non si fermano i contagi, nell’ultima settimana sono stati registrati 1.615 casi (339 solo quelli delle ultime 24 ore). Altre 14 persone hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 12.3%, 2.753 quelli analizzati dall’azienda sanitaria

25 ottobre - 11:02

Il Governo ha affrontato con fermezza le Regioni: confermate quasi tutte le disposizioni presenti nella bozza. Fra le attività sospese ci sono palestre, piscine, centri benessere, ma anche spettacoli e sale slot. Non è previsto nessun lockdown ma si “raccomanda” di evitare gli spostamenti non necessari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato