Contenuto sponsorizzato

Esplode un supermercato al Brennero per una fuga di gas, 9 feriti e un disperso. Si scava nelle macerie

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Pubblicato il - 23 settembre 2019 - 16:12

BRENNERO. Ci sarebbe un errore umano alla base dell’incidente che ha coinvolto un piccolo supermercato, ubicato sul versante austriaco del Brennero nel paese di St. Jodok, provocando 9 feriti.

 

Erano da poco passate le 11 di questa mattina quando nel piccolo paese austriaco si è udito una forte esplosione: improvvisamente il supermercato della cittadina è stato avvolto dalle fiamme.

 

L’esplosione è stata così violenta da causare il crollo di una parte dell’edificio.

 

Secondo le prime ricostruzioni alla base dell’incidente ci sarebbero alcuni operai che stavo lavorando in un cantiere lì vicino e che inavvertitamente avrebbero bucato delle tubature del gas.

 

Dopo l’esplosione le fiamme hanno avvolto il negozio gettando nel panico clienti e passanti, 9 persone sarebbero rimaste ferite, fortunatamente nessuna sarebbe in gravi condizioni.

 

C’è però apprensione per una persona anziana che secondo quanto riportano alcune testate giornalistiche locali sarebbe ancora intrappolata sotto le macerie.

 

Sul posto sono entrate in azione diverse squadre dei vigili del fuoco e le forze dell’ordine sono arrivate per isolare l’area. Si scava tra le macerie per accertarsi se ci siano sopravvissuti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 giugno - 13:06

La Cgil non ha approvato le linee guida perché anche in questo caso non ha partecipato l'Inail ma ha contribuito a far cambiare alcune disposizioni. Mazzacca: ''Restano alcune perplessità, tra cui la più significativa è quella legata al numero di insegnanti per bambino. La nostra proposta era quella di un rapporto più basso, fino uno a cinque. La Provincia ha proposto uno a dieci. C’è stato comunque un passo avanti”

02 giugno - 20:58

Riaprono i confini, così come le frontiere, quindi il comparto turistico è pronto a ripartire dopo tre mesi di lockdown. Le varie Aziende per il turismo hanno delineato diverse azioni per salvare la stagione estiva, mentre Trentino Marketing ha fatto partire una campagna promozionale. Molto si potrebbe giocare anche sul flusso di prossimità per una specie di ritorno alle vacanze anni '70

03 giugno - 11:39

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 322 tamponi e nessuno è risultato positivo. Continua a essere ormai stabilmente rassicurante la curva epidemiologia in Provincia di Bolzano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato