Contenuto sponsorizzato

Evacuata la piscina a Levico con tanti bambini per una fuga di gas

Tempestivo intervento dei vigili del fuoco di Levico che sono riusciti a trovare l'origine della fuga nel locale caldaia. Sul posto anche i tecnici comunali e quelli di NovaReti. Operazione in corso, ma non c'è alcun pericolo

Di L.A. - 09 febbraio 2019 - 13:33

LEVICO. La piscina a Levico è stata evacuata per una fuga di gas. L'allarme è scattato intorno alle 12.30 e sul posto si sono immediatamente portati i vigili del fuoco di zona.

 

La segnalazione è arrivata da alcuni cittadini allarmati da un forte odore in viale Lido nei pressi del polo comunale. 

 

A quel punto i pompieri, comandati da Ezio Achler, sono arrivati tempestivamente sul luogo per mettere in sicurezza l'area e rilevare l'origine della fuga di gas.

 

La piscina, vista anche la presenza di tanti bambini, è stata fatta evacuare in via precauzionale, mentre i vigili del fuoco hanno trovato la falla, localizzata all'interno del locale caldaia.

 

Nel frattempo anche i tecnici della piscina e di NovaReti hanno raggiunto l'edificio per avviare le verifiche necessarie e risolvere la fuga di gas.

 

Non c'è nessun pericolo, ma l'operazione è ancora in corso e ci vorranno alcune ore per riparare i macchinari, effettuare le prove necessarie, arieggiare i locali e ristabilire definitivamente la normalità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 agosto - 06:01

Il fil rouge di questa vicenda è un giovane che alle sue diverse fidanzate, nel tempo, riserva lo stesso trattamento fatto di botte, insulti pesantissimi e disagi che, in molti casi, si sono trasformati in denunce e ammonimenti. Dopo che sono arrivati gli arresti domiciliari ora per il ragazzo ci sarà il processo e anche sul suo futuro genitoriale la parola passa alla magistratura 

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato