Contenuto sponsorizzato

Fiamme dalla caldaia del centro benessere, allarme incendio in un hotel

L'allarme è scattato intorno alle 15.30 all'hotel San Valier in via Marconi, quando è stato avvertito un forte e acre odore di fumo. Non ci sono persone coinvolte. Tempestivo l'intervento dei vigili del fuoco di Cavalese

Pubblicato il - 26 giugno 2019 - 18:47

CAVALESE. I vigili del fuoco sono intervenuti per un incendio in un albergo di Cavalese, le fiamme si sono sviluppate nel piano interrato della struttura.

 

L'allarme è scattato intorno alle 15.30 all'hotel San Valier in via Marconi, quando è stato avvertito un forte e acre odore di fumo.

 

Tempestivo l'intervento dei pompieri di Cavalese che hanno messo in sicurezza e isolato l'area per avviare le operazioni di spegnimento.

 

La causa dell'incendio sarebbe un problema alla caldaia del centro benessere al piano interrato della struttura.

 

Dopo aver spento le fiamme, i vigili del fuoco hanno avviato le verifiche e la bonifica del materiale incendiato.

 

Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta e non si registrano feriti o intossicati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato