Contenuto sponsorizzato

Fiamme sul Baldo e anche a Ronzo-Chienis, interviene l'elicottero

L'allarme è scattato intorno alle 16 e il corpo di Riva del Garda si è portato tempestivamente sul posto per contenere il fronte delle fiamme che si sono sviluppate tra Doss dei Roveri e Dosso Spirano. Un altro incendio a Ronzo-Chienis

Pubblicato il - 11 giugno 2019 - 19:09

RIVA DEL GARDA. Doppio intervento dei vigili del fuoco per un incendio boschivo. Un intervento si è svolto alle pendini del monte Baldo, mentre un altro in zona Ronzo-Chienis

 

L'allarme è scattato intorno alle 16 e il corpo di Riva del Garda si è portato tempestivamente sul posto per contenere il fronte delle fiamme e avviare le operazioni di spegnimento.

 

Il fuoco si è sviluppato sul Baldo, poco sotto la strada della "Selva" tra Doss dei Roveri e Dosso Spirano.

Un intervento delicato in quanto le strade non erano percorribili per avvicinarsi al focolaio. 

 

Da Trento si è levato in volo l'elicottero per eseguire alcuni lanci ed estinguere le fiamme. 

 

In contemporanea i pompieri si sono portati anche a Ronzo-Chienis per un altro incendio boschivo

 

Ora tutto è sotto controllo, ma i vigili del fuoco monitorano la zona nelle prossime ore per evitare che gli incendi possano ripartire.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato