Contenuto sponsorizzato

Frontale tra due auto, la Panda ne esce distrutta ma chi era a bordo non è grave

L'incidente è avvenuto a Sarentino, in Alto Adige. Chiuso quel tratto di strada per oltre un'ora

Pubblicato il - 25 maggio 2019 - 16:25

SARENTINO. Un frontale che, fortunatamente, non ha causato gravi conseguenze alle persone a bordo dei due mezzi ma ha provocato la chiusura della strada per oltre un'ora e ha letteralmente visto la Panda finire distrutta. Questa mattina, intorno alle 9.15 la strada per Sarentino è stata chiusa dai vigili del fuoco della zona per l'incidente avvenuto all'altezza di una curva nella zona di Morhäusl. Una Fiat Panda e una Skoda si sono scontrate per ragioni ancora da appurare.

 

L'impatto è stato molto forte e la Panda è stata rimbalzata all'indietro facendola sbattere anche contro il bordo strada. Il muso dell'auto è andato completamente distrutto mentre l'altro mezzo ha tenuto meglio e ha finito per danneggiarsi solo sul lato del guidatore.

 

 

Sul posto è arrivata la croce bianca di Srentino che ha condotto all'ospedale di Bolzano uno dei passeggeri della seconda vettura che avrebbe riportato delle ferite non gravi. Praticamente illesi i piloti di entrambi i mezzi. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco di Sarentino che si sono occupati del servizio strade e di rimuovere i mezzi incidentati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 05:28

In Calabria partita facile per Jole Santelli di Forza Italia che è stata eletta governatrice. Zingaretti: "Un immenso grazie al movimento delle Sardine che sono riuscite a dare una scossa democratica importante respingendo l'aggressività della destra estremista e la cultura dell'odio"

26 gennaio - 20:04

Mentre il Giorno della memoria s'avvicina, il Comune di Verona ha ben pensato di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e di dedicare contemporaneamente una via a Giorgio Almirante, storico leader dell'Msi e capo redazione de "La difesa della razza". Antisemita, razzista e collaborazionista, fu figura di raccordo tra l'estrema destra eversiva e le istituzioni deviate durante lo stragismo. Impedirne l'ingresso nell'odonomastica è un dovere civico

26 gennaio - 20:14

La "forza gentile" degli ambientalisti, in Lessinia sfilano oltre 10mila persone, ma il firmatario del ddl Valdegamberi accusa: “Atto di arroganza pubblica del peggiore ambientalismo da salotto”. La consigliera regionale Guarda: “Abbiamo mandato un messaggio forte, ora le istituzioni dovranno tenerne conto, da parte nostra chiediamo il ritiro di questa proposta di legge”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato