Contenuto sponsorizzato

Frontale tra la moto e l'autotreno: la vittima dell'incidente di Vezzano è un 68enne

L'impatto è avvenuto poco prima delle 13 sulla Gardesana. L'uomo di 68 anni era arrivato dalla Germania con degli amici centauri, avrebbe perso il controllo del suo mezzo all'uscita di una curva

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 12 giugno 2019 - 18:46

TRENTO. È un tedesco di 68 anni la vittima del tragico incidente che si è verificato alle 12.45 vicino a Vezzano, sulla Gardesana (qui articolo).

 

L'impatto, avvenuto sulla strada statale 45 bis tra Vigolo Baselga e Vezzano, è stato tremendo e le ferite riportate non hanno lasciato scampo all'uomo che si trovava in viaggio con un gruppo di amici provenienti dalla Germania (con lui erano altre due persone).

 

Secondo una prima ricostruzione della dinamica, con la sua moto l'uomo sarebbe stato diretto verso Trento. All'improvviso, in uscita da una curva, avrebbe forse perso il controllo del suo mezzo finendo sulla corsia opposta, sulla quale viaggiava un autotreno diretto verso Riva del Garda. I due conducenti dei mezzi non avrebbero fatto in tempo a capire cosa stava accadendo, poi lo scontro frontale.

 

Sul posto sono arrivati immediatamente i soccorsi: i vigili del fuoco permanenti di Trento, quelli volontari di Vezzano, i carabinieri della compagnia di Trento e i sanitari, arrivati anche con l'elicottero.

 

Tutti gli sforzi fatti per salvare la vita al centauro, però, si sono purtroppo rivelati inutili e l'uomo ha perso la sua battaglia contro la morte. Il suo corpo è stato ricomposto nel cimitero di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato