Contenuto sponsorizzato

Gli automobilisti del Trentino Alto Adige sono quelli che vanno più veloci in Italia e che guidano meno di notte (assieme ai valdostani)

L'analisi di UnipolSai realizzato studiando i dati di 4 milioni di scatole nere istallate sui veicoli degli italiani. A Trento l’auto è utilizzata per più giorni, ma per tratte più brevi mentre a Bolzano per tratte più lunghe (51 km al giorno) ma per meno giorni. L’Umbria è la regione italiana in cui si percorrono più chilometri l’anno in automobile

Di Luca Pianesi - 30 novembre 2019 - 19:08

TRENTO. I trentini e gli altoatesini sono quelli che viaggiano alla velocità media più alta in Italia ma sono anche quelli che si spostano meno di notte (secondi solo agli abitanti della Valle d'Aosta ) un segnale, questo, che secondo l'Osservatorio UnipolSai dimostra come in regione ci sia poca vita notturna. Lo studio pubblicato dalla compagnia assicurativa analizza le abitudini al volante degli italiani nel 2018 ed è stato realizzato in seguito all’analisi dei dati di circa 4 milioni di automobilisti assicurati UnipolSai che installano la scatola nera Unibox sulla propria autovettura.

 

Nello specifico a Bolzano si tende a utilizzare l’auto meno giorni ma per percorrere tratte più lunghe (51 chilometri al giorno) e in media sono stati percorsi ben 500 chilometri in più rispetto al 2017. A Trento l’auto è utilizzata per più giorni, ma per tratte più brevi (45 chilometri al giorno) e sono stati percorsi oltre 300 chilometri in meno rispetto al 2017. In regione, poi, si mantiene la velocità media più alta d'Italia: 36,1 chilometri all'ora contro una media italiana di 29,5 chilometri all'ora con Sicilia, Puglia e Campania a far registrare le velocità medie più basse. Ovviamente tra le ragioni di una tale differenza vi è anche la qualità delle strade, nettamente migliore in Trentino Alto Adige rispetto alla stragrande maggioranza delle infrastrutture del resto del Paese.

 

 

“In Trentino-Alto Adige l’esperienza di guida è tra le più piacevoli d’Italia: è la seconda regione, dopo la Valle d’Aosta, per tempo al giorno passato in automobile, 1 ora e 16 minuti, ed è quella con la velocità media più alta del Paese, in aumento rispetto ai dati dell’anno scorso, dato che lascia ipotizzare un ulteriore miglioramento delle condizioni di guida”, spiega Enrico San Pietro, condirettore generale assicurativo UnipolSai.

 

Rispetto ai dati dell’anno scorso, diminuisce il tempo alla guida durante la notte dei trentini, con il 3,1% dei chilometri percorsi tra mezzanotte e le sei del mattino, confermando la scarsa abitudine alla guida notturna in regione. Una caratteristica tipica dei territori montani: il Trentino Alto Adige, infatti, è penultimo per chilometri notturni, dietro solo alla Valle d’Aosta, rispetto a una media nazionale che si attesta al 4,30%.

 

Nel dettaglio, Bolzano segna il record con 51 chilometri percorsi ogni giorno, 6 chilometri in più rispetto all’anno passato, e ha una velocità media di 37,8 chilometri all'ora, anche quest’ultima molto alta rispetto alla media italiana (29,5 km/h). Con soli 255 giorni di utilizzo (31 in meno rispetto alla media nazionale) a Bolzano si percorrono 13.012 chilometri all’anno, 1.127 in più del resto d’Italia.

 

A Trento la macchina è usata per più giorni (281) rispetto a Bolzano, ma per distanze più brevi, in quanto si percorrono 12.612 chilometri annui e si sta meno tempo al volante (1 ora e 15 minuti). Tra le altre curiosità emerge che con 13.967 chilometri, l’Umbria è la regione italiana in cui si percorrono più chilometri l’anno in automobile, seguita con 13.480 chilometri dal Molise e dal Veneto con 13.180 chilometri rispetto a una media italiana di 12.240 chilometri annui. All’ultimo posto la Liguria, con 9.944 chilometri annui percorsi.

 

Rovigo è la provincia italiana in cui si percorrono più chilometri all’anno, 16.815 chilometri, seguita da Isernia, con 14.672 chilometri e da Perugia con 14.640 chilometri. In ultima posizione Genova, con 9.630 chilometri annui e Imperia (9.670 chilometri). È invece la Puglia la regione in cui l’auto è utilizzata per più giorni durante l’anno, quasi 6 giorni su 7, seguita da Sardegna e Calabria. Anche su questo parametro, la Liguria si conferma la regione in cui si utilizza l’auto per meno giorni l’anno. La Sicilia e la Puglia sono le regioni più “nottambule”. Tra le province, Barletta‐Andria‐Trani, Palermo e Brindisi si distinguono per essere quelle in cui l’uso dell’auto di notte è più frequente, al contrario di Ogliastra, Gorizia e Trieste, che occupano gli ultimi tre posti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 06:01

I numeri sembrano bocciare l'operazione ragionieristica dell'assessore nel criterio selezionato per licenziare il ddl commercio, quello delle chiusure domenicali e festive di supermercati e negozi. A salvarsi Venezia, Torino, Berlino e Parigi tagliate invece fuori

05 luglio - 08:17

Uno dei due ha tentato la fuga ma un poliziotto, grazie anche ad un cittadino, è riuscito a bloccarlo 

04 luglio - 19:17

Al largo dell'isola di Lesbo è iniziata la costruzione della barriera galleggiante lunga 2,7 chilometri, tanto voluta dal governo greco, che così spera di arrestare il flusso di migranti via mare provenienti dalle coste della Turchia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato